F1, Alonso in Red Bull? Tutta la verità!

Fernando Alonso che passa alla Red Bull è l’ultimo grande rumours che ci terrà compagnia per la lunga pausa estiva della stagione 2013 di Formula 1

da , il

    F1, Alonso in Red Bull? Tutta la verità su una bufala estiva

    Fernando Alonso che passa alla Red Bull è l’ultimo grande rumours che ci terrà compagnia per la lunga pausa estiva della stagione 2013 di Formula 1. Se contro il caldo è bene stare all’ombra e bere molto, contro le bufale è bene… essere informati. Per non prendere granchi, s’intende. Premesso che nel mondo della F1 tutto può succedere, qui ci sentiamo di esporci per bollare come assolute e ridicole speculazioni le voci che danno il pilota Ferrari in trattativa con la scuderia del beverone. I motivi sono molti: basti dire che lo spagnolo ha un contratto con Maranello fino al 2016 e che nessuno in Italia ha voglia di liberarsi di lui. Il diretto interessato potrebbe andarsene? Ma no! No, almeno, oggi. Più in là. Chissà. Intanto, tutte le voci che sono state sollevate hanno un solo mittente: la Red Bull, guarda caso, che ha tutto l’interesse a infastidire ulteriormente un pilota di certo non sereno vista la piega che ha preso anche la stagione 2013 di F1. Todo claro?

    Montezemolo striglia Alonso

    Montezemolo non nasconde il fastidio per il comportamento avuto da Alonso nell’ultimo periodo. Dopo avergli fatto gli auguri di compleanno, se la prende con il team e anche con lui:”A tutti i grandi campioni che hanno guidato per la Ferrari è sempre stato chiesto di anteporre gli interessi della squadra a quelli personali. Questo è il momento di rimanere calmi, evitare polemiche e dare con umiltà e determinazione il proprio contributo, stando vicino, in pista e fuori, alla squadra e ai suoi uomini”, ha riferito a ferrari.com.

    Alonso in Red Bull? Ecco l’antidoto

    Se l’idea di un Alonso che lascia la Ferrari per andare in Red Bull è da mal di testa, vi diamo l’antidoto. Innanzitutto è Vettel a non volerlo:“Non ho nulla contro Fernando, lo rispetto molto come pilota, ma è con Kimi che c’è rispetto anche fuori dalla pista perché lui è sempre stato molto diretto con me. In questo senso, stare con lui sarebbe più facile per me”, ha dichiarato. Piccole frecciatine e giochi psicologici ad uso e consumo dell’opinione pubblica. Come l’aver sfruttato l’incontro tra il manager di Alonso – Luis Garcia Abad- e la Red Bull. In realtà la trattativa lì era per il giovane pilota spagnolo Carlos Sainz Jr. Stop. Nient’altro da aggiungere se non le parole provocatorie di Chris Horner che, come anticipato, ha tutto l’interesse a destabilizzare il clima in casa Ferrari:“Come potete immaginare molti piloti hanno espresso interesse per il nostro sedile ma non posso fare i nomi. Fernando è libero? Andateglielo a chiedere… Alonso e Vettel insieme sarebbero una coppia interessante ma noi vogliamo solo pensare a fare il meglio per il team. Vogliamo due piloti veloci che lavorino bene assieme e facciano le cose giuste per la squadra”. Che l’asturiano non si muoverà da Maranello è Domenicali a sancirlo:“C’è un contratto tra noi e lui. Indubbiamente è un asset per il team. Dobbiamo fargli quadrato attorno…” Asset è la parola chiave: oltre alla voglia di vincere ci sono anche gli sponsor con i quali fare i conti. Se Santander, detta fuori dai denti, può migrare da McLaren a Ferrari, io non ce la vedo a mettere i propri adesivi su una Red Bull. E voi?