F1, Alonso-Vettel: screzi o scherzi?

Formula 1 2011: tensione tra Alonso e Vettel dopo il Gran Premio d'Italia? I due piloti di Ferrari e Red Bull smentiscono che siano volate parole forti nel dopo-gara

da , il

    fernando alonso sebastian vettel polemca monza

    Si va rumoreggando in giro che ci sia stato qualche momento di vera tensione e feroce polemica tra Fernando Alonso e Sebastian Vettel al termine del Gran Premio di Monza 2011. A causa della difesa al limite del pilota Ferrari nei confronti di quello Red Bull durante il sorpasso che ha portato il tedesco al comando della corsa, pare che i due – una volta scesi delle vetture – abbiano avuto uno scambio verbale piuttosto colorito. C’è qualcosa di vero? I diretti interessati smentiscono seccamente.

    FERNANDO ALONSO. Il pilota Ferrari ha bollato come spazzatura le voci che raccontavano di alcuni screzi tra lui e Vettel al termine del GP d’Italia. “Abbiamo commentato in modo tranquillo quanto accaduto. Lo avete visto tutti anche in conferenza stampa che eravamo entrambi sereni”, ha dichiarato. E su Vettel ha aggiunto:“In questo momento guida in modo fantastico. Quest’anno non fa errori o solo errori molto piccoli, mentre lo scorso anno abbiamo avuto qualche chance in più. In generale, è stato il miglior pilota con il miglior pacchetto a disposizione e meritano di stare dove sono”.

    SEBASTIAN VETTEL. Nulla di sensazionale neanche nelle parole di Sebastian Vettel. Il driver Red Bull smentisce la frase “F__k you, my boy” che Alonso gli avrebbe detto:“Abbiamo parlato in modo normale, amichevole - ha spiegato – lui non si aspettava di vedermi a sinistra, quando se n’è accorto non ha mollato ma comunque si è spostato leggermente per darmi lo spazio sufficiente per passare. Si è difeso un po’ al limite ma sapevo che dovevo inventarmi qualcosa per superarlo”. Quindi, se polemica c’è stata, è acqua passata:“Abbiamo parlato nel dopo-gara ed è andata bene così. Quando corri contro qualcuno esperto come Fernando sai che non ti renderà la vita facile ma ti darà lo spazio per passare. Non molto ma sufficiente…”