F1, Ecclestone: la Formula1 non è in vendita

Bernie Ecclestone rispnde ai rumors che vorrebbero Rupert Murdoch interessato ad acquistare i diritti sulla Formula1, e assicura che la massima categoria non è e non sarà mai in vendita!

da , il

    todt ecclestone2011

    Bernie Ecclestone risponde a Rupert Murdoch e ribadisce che la Formula1 non è in vendita. Il patron del Circus nei giorni scorsi aveva archiviato come semplice “spazzatura” i rumors che volevano il multimilionario australiano, re della tv digitale, interessato all’acquisto dei diritti televisivi della massima categoria e, recentemente, ha confermato la sua intenzione a non cedere a qualcun altro la propria poltrona. Lo sport non è in vendita, assicura Mr E.

    FORMULA1. Rupert Murdoch non metterà le mani sulla Formula 1, parola di Bernie Ecclestone, patron del Circus e detentore, attraverso il controllo di diverse società, di tutti i diritti che interessano la massima categoria automobilistica. Dopo i recenti rumors sull’intenzione da parte del Paperon de Paperoni australiano di voler acquistare la Formula1 portando avanti una cordata che interesserebbe anche il miliardario messicano Carlos Slim, Mr E ha ribadito che non permetterà a Murdock di impossessarsi della sua gallina dalle uova d’oro.

    BERNIE ECCLESTONE. “Non venderemmo mai la F1 ad una media company dal momento che ciò ridurrebbe le possibilità di trattare con altre emittenti e network”, ha fatto sapere l’ottantaduenne britannico dalle pagine del The Times anche se, prima che la CVC ottenesse la vendita dei diritti commerciali della Formula1, quest’ultima era gestita proprio da una media company, la Kirch, successivamente andata in fallimento. “Molte persone hanno contattato la CVC, ma sono assolutamente convinto che non abbiano alcuna intenzione di vendere e che sono qui per restare”. Secondo Ecclestone inoltre, Murdoch e Slim non sarebbero realmente interessati all’acquisto del Circus, dal momento che il suo telefono non è mai squillato… “Se avessero intenzioni serie mi avrebbero chiamato, e non l’hanno fatto”.