F1: Exor-Murdoch, un’alleanza contro Ecclestone?

F1 - La Exor della famiglia Agnelli e la News Corporation di Rupert Murdoch hanno confermato le voci secondo le quali sarebbe in corso un'alleanza tra le due società per sviluppare un piano per la Formula 1: l'idea è quella di togliere il controllo del circus a Bernie Ecclestone

da , il

    Le mani di Murdoch sulla F1

    F1 – La Exor della famiglia Agnelli e la News Corporation di Rupert Murdoch hanno confermato le voci secondo le quali sarebbe in corso un’alleanza tra le due società per sviluppare un piano per la Formula 1: l’idea è quella di togliere il controllo del circus a Bernie Ecclestone.

    La stessa Sky News (il canale news di proprietà di Murdoch) aveva già rivelato due settimane fa che era allo studio un progetto di un consorzio guidato dal magnate australiano per l’acquisizione dei diritti commerciali della Formula 1.

    MURDOCHExor e News corporation in una nota congiunta confermano che stanno “analizzando in via preliminare la creazione di un consorzio per elaborare un piano per lo sviluppo nel lungo termine della Formula Uno. Nelle prossime settimane i due gruppi si confronteranno con potenziali partner di minoranza e con i principali soggetti coinvolti per strutturare l’operazione.”

    ECCLESTONE – Due settimane fa, dopo le prime indiscrezioni sulla volontà di Murdoch di comprare la Formula 1, il patron del circus Bernie Ecclestone aveva dichiarato che possibilità della News Corporation erano vicino allo zero (“Non venderemmo mai la F1 ad una media company dal momento che ciò ridurrebbe le possibilità di trattare con altre emittenti e network,” aveva detto Ecclestone) e ora esclude che i fondi Cvc Capital Partners (titolari del marchio e dei diritti commerciali F1, con Ecclestone che riveste la carica di amministratore delegato) siano interessati a vendere la loro quota: “Per quanto ne so, certamente non è in vendita. Cvc non è interessata a vendere.”

    F1 IN TV – Gli interessi in gioco sono miliardari: la Formula 1 è lo sport automobilistico più visto al mondo e la trasmissione televisiva potrebbe fruttare cifre esorbitanti al boss di Sky, ma secondo Ecclestone le scuderie F1 e gli sponsor vogliono continuare a trasmettere in chiaro per non tagliare fuori una buona fetta di spettatori.