F1, Ferrari: Alonso merita macchina vincente

Formula 1: il direttore tecnico della Ferrari, Pat Fry, spiega la sua filosofia di lavoro che prevede prendersi molti rischi e puntare ad una monoposto estrema e innovativa

da , il

    ferrari fernando alonso pat fry

    Pat Fry, direttore tecnico della Ferrari dichiara:“All’interno del team ci sono alcune cose che funzionano molto bene, altre meno. Ci stiamo concentrando su quelle aree da migliorare. Nel reparto aerodinamico stiamo facendo un lavoro molto più creativo rispetto a prima. Ma non avremo certezze sulla bontà del lavoro svolto fin quando le vetture non si schiereranno a Melbourne il prossimo anno”. Obiettivo del tecnico inglese e di tutta la squadra comandata da Stefano Domenicali è dare a Fernando Alonso una monoposto vincente.

    FERRARI - PAT FRY. “E’ stato importante creare un ambiente di lavoro dove le persone si sentano preparate a prendere più rischi, senza preoccuparsi delle conseguenze nel caso qualcosa su cui si sta lavorando non desse i risultati sperati”, è questa secondo Fry la ricetta per sfornare monoposto innovative e dalla filosofia più aggressiva. Ogni aspetto di una macchina di F1 deve essere al limite. Le Ferrari progettate da Aldo Costa negli ultimi anni, non lo erano:“Se si è troppo conservativi, il risultato è un pacchetto troppo lento. Bisogna quindi spingersi al limite, e ci saranno occasioni in cui si supererà. Ma le persone non devono avere paura. Dobbiamo essere ragionevoli e rischiare dove c’è un grosso beneficio in termini di prestazioni sul giro, non prendere rischi inutili”.

    FERRARI - F1 2012. Obiettivo 2012:“Per quanto riguarda la nuova vettura, abbiamo fiducia che tutto proceda come da programma per poter avere la monoposto per il primo test invernale e poi essere nella condizione di aggiornarla per la terza sessione di prove pre-stagionali. Dobbiamo dare ai nostri piloti una monoposto migliore nel 2012”, ha aggiunto Fry. Tra le novità più interessanti che abbiamo già visto sulla Rossa c’è la nuova ala anteriore. Lavoro che rischia di essere inutile: la FIA, infatti, valuterà nella prossima settimana se vietare tutte le soluzioni troppo flessibili che vedono la magica Red Bull come prima beneficiaria. Nel mirino c’è il cosiddetto “fluttering”, vale a dire il fenomeno di oscillazione repentina che si innesca ad alta velocità ed in particolari condizioni di carico aerodinamico.

    FERRARI - STEFANO DOMENICALI. Il team principal Ferrari, a differenza del presidente Montezemolo e di Alonso, boccia interamente la stagione 2011:“Possiamo archiviare definitivamente un anno sicuramente insufficiente per noi e pensare totalmente alla prossima stagione”. Domenicali ribadisce che per la Ferrari esiste solo la vittoria come risultato soddisfacente:“Ci attendono settimane di grande lavoro, i cui frutti si inizieranno a vedere soltanto a partire da febbraio, quando si riaccenderanno i motori”.