F1, Ferrari: Alonso si arrende a Vettel

Formula 1: Fernando Alonso lascia intendere di non credere più nella rimonta in classifica su Sebastian Vettel

da , il

    fernando alonso sebastian vettel monaco f1 2011

    Il Fernando Alonso di oggi è ultra-realista. Sebastian Vettel ha una Red Bull ed un vantaggio in classifica troppo superiori per lasciare aperta una qualunque speranza di rimonta. Nel Gran Premio di Monaco di F1 2011 il pilota Ferrari ha mostrato la verità quando in conferenza stampa ha dichiarato che avrebbe tentato su Vettel il tutto per tutto dato che, ormai, le uniche soddisfazioni che la Rossa può togliersi sono delle vittorie di gara. Pensare al mondiale è praticamente assurdo. O forse no?

    FERNANDO ALONSO. Il due volte campione del mondo tira fuori la sua inseparabile calcolatrice, dà un’occhiata all’almanacco della F1 e rivede le proprie previsioni. Il pensiero pre-GP di Spagna era il seguente: tutto può succedere, non siamo messi tanto peggio rispetto ad un anno fa. Passato anche il GP di Monaco, il nuovo Alonso fa altri conti:“Due anni fa Button era nelle stesse condizioni di Vettel oggi. E sappiamo come è andata a finire”. L’inglese ha vinto a mani basse il titolo. Il pilota Ferrari aggiunge:“Sappiamo che chi vince cinque o sei gare ha quasi vinto il mondiale per cui se ne vinci cinque su sei ad inizio stagione sei messo davvero bene”. Il riferimento, ovviamente, è a Sebastian Vettel che comanda in classifica mondiale con un vantaggi imbarazzante sui rivali.

    FERRARI. E’ raro sentire un campione che alza bandiera bianca prima che la matematica lo condanni. Personalmente credo che queste dichiarazioni saranno presto smentite. Soprattutto nel caso in cui la Ferrari in Canada riesca ad ottenere la tanto attesa prima vittoria stagionale. Pat Fry, nuovo uomo dell’aerodinamica, dichiara fiducioso:“Andiamo in Canada, desiderosi di continuare a migliorare la nostra prestazione. Ci saranno alcune novità sulla vettura: dobbiamo continuare a spingere sullo sviluppo in modo da poter ridurre il distacco che ci separa ancora dai migliori.”