F1, Ferrari: Alonso soddisfatto del podio

Formula 1: Fernando Alonso e la Ferrari accolgono con piacere il terzo posto nel Gran Premio del Brasile che lascia lo spagnolo ancora in cima alla classifica mondiale

da , il

    ferrari alonso podio brasile 2010

    Fernando Alonso sa che un terzo posto potrebbe non bastare a lui e alla Ferrari in quel di Abu Dhabi per chiudere la stagione 2010 di Formula 1 da campione del mondo. Eppure il pilota spagnolo si dice soddisfatto del risultato ottenuto nel Gran Premio del Brasile. Realisticamente, per come si erano messe le cose, l’asturiano aveva molto più da perdere che da guadagnare. Dello stesso avviso è il team principal Stefano Domenicali che accoglie con favore il terzo posto di Interlagos che porta verso Abu Dhabi con intatte speranze di successo.

    FERRARI. La prima preoccupazione per Stefano Domenicali dopo il Gran Premio del Brasile è fare i complimenti alla Red Bull per la vittoria del titolo mondiale costruttori. Quello ormai è andato per la Rossa di Maranello che con Alonso proverà a vincere il più ambito campionato piloti. “Avevamo detto che il titolo Piloti sarebbe stato assegnato all’ultima gara e così sarà e noi arriveremo ad Abu Dhabi con Fernando in testa alla classifica - ricorda il boss della Scuderia italiana – Sappiamo che sarà un’impresa portare a casa l’iride perché i nostri principali avversari sono fortissimi e lo hanno dimostrato ancora una volta oggi pomeriggio”. Secondo Domenicali Alonso ha ottenuto il massimo possibile:“I suoi primi giri sono stati eccezionali ed è riuscito a sorpassare prima Hamilton e poi Hulkenberg con decisione ma senza prendere rischi eccessivi. Poi si è trovato nella condizione di gestire la sua gara e lo ha fatto in maniera impeccabile, anche quando, dopo la safety-car, la situazione poteva essere molto complicata”. Dati alla mano, con la safety car Alonso poteva tentare di montare gomme fresche senza perdere posizioni e magari arrivare ad impensierire seriamente Webber. Ma il box Ferrari non se l’è sentita di rischiare.

    FERNANDO ALONSO. Tutto sommato, Alonso è soddisfatto di come è andato il GP del Brasile:“Abbiamo perso soltanto tre lunghezze dal nostro più immediato inseguitore e, considerato come si erano messe le cose ieri in qualifica, è andata bene: se stamattina mi avessero detto che sarebbe finita così ci avrei messo la firma!”. Il pilota spagnolo spiega che ha preferito partire in maniera cauta per non rischiare nulla. Quando ha visto le Red Bull scappare, però, si è mosso per superare Hamilton e Hulkenberg:“Ci sono voluti diversi giri per riuscire a superare Hulkenberg mentre passare Hamilton non è mai una cosa agevole - prosegue Alonso - Quando c’è stata la safety-car abbiamo pensato che ci potesse essere un’opportunità per attaccare ma fra me e Mark c’erano troppi doppiati e c’è voluto troppo tempo per passarli: peccato, perché in quella fase la macchina era davvero molto competitiva. Ora andiamo ad Abu Dhabi: sappiamo quello che dobbiamo fare e che il titolo dipende da noi.”