F1, Ferrari: Arrivabene riporta il sereno in vista del 2017

Formula 1: Arrivabene conferma che la riorganizzazione della Ferrari dopo la nomina di Binotto come direttore tecnico al posto di Allison non influirà sui piani di sviluppo e nega scene di panico a Maranello...

da , il

    La tempesta c’è stata nella scuderia Ferrari di Formula 1. Le acque devono ancora calmarsi del tutto. Maurizio Arrivabene, però, sembra stia riuscendo nell’impresa di preparare l’organizzazione della squadra nel modo migliore per affrontare il prosieguo della stagione e far trovare il Cavallino Rampante pronto all’importante appuntamento del 2017. Il prossimo anno, infatti, ci saranno dei cambiamenti tecnici che potranno consentire qualche importante passo in avanti. O indietro. Sono novità che potrebbero rimescolare alcuni valori in campo ed aiutare non solo la Ferrari ma anche Red Bull o McLaren a interrompere la dittatura della Mercedes.

    Ferrari, Arrivabene:”Stiamo riorganizzando la squadra”

    Mattia Binotto nuovo direttore tecnico. Maurizio Arrivabene sempre al timone della Gestione Sportiva. Sergio Marchionne ancor più presente e attivo in fabbrica. Questa è la triade che sta riorganizzando la scuderia Ferrari di Formula 1 andando soprattutto a pescare e valorizzare i tanti ingegneri di talento che già lavorano a Maranello, anziché provare per l’ennesima volta invano a corteggiare uno dei grandi progettisti come Adrian Newey. Il passato è passato:“Non voglio parlare di James Allson per ragioni personali e aziendali”, ha dichiarato Arrivabene ad ad Autosport. Il futuro non deve far abbassare le grandissime ambizioni che il blasone della Ferrari impone:“Ci stiamo riorganizzando, ma senza scene di panico, perché quando abbiamo preso certe decisioni già sapevamo come muoverci. Non posso dare altri dettagli, ma confermo che sappiamo dove lavorare e guardiamo avanti al prosieguo della stagione.”, ha aggiunto il team principal bresciano.

    Mecedes, Wolff:”Ferrari competitiva nel 2017″

    Tra quelli che non immaginano una Ferrari in difficoltà ancora per molto c’è Toto Wolff. Il team principal della Mercedes crede che, al di là dei proclami di facciata, a Maranello stiano lavorando praticamente solo in ottica 2017 e questo spiega anche come mai l’evoluzione della SF16-H ne stia risentendo. “Per quest’anno è ancora presto per dire che sono fuori dai giochi ma è chiaro che stanno attraversando un momento difficile. Hanno deciso di puntare presto sul 2017 per cui non vanno sottovalutati. Restano una squadra con grandi risorse e tanta passione”, ha spiegato il manager austriaco. Wolff ha ammesso anche di non essere sereno al pensiero di una Red Bull in forte crescita:“Si sono avvicinati molto nelle ultime gare e nel 2017 saranno sicuramente al top”, ha concluso.