F1, Ferrari: Bortolotti deluso per il licenziamento

Formula 1: Mirko Bortolotti si dichiara deluso per essere stato non riconfermato nella Ferrari Driver Academy

da , il

    ferrari bortolotti test f1

    Mirko Bortolotti è stato messo fuori dalla Ferrari Driver Academy con un certo stupore da parte degli appassionati italiani di sport a motore. Il pilota purtroppo ha fallito la missione che Maranello gli aveva dato, vale a dire ben figurare nella categoria GP3. Questa bocciatura è pesante perché arriva dopo una analoga subita lo scorso anno dal programma giovani della Red Bull. Le vittorie nella F3 italiana ed il record della pista di Fiorano con la Ferrari di F1 che ha acceso gli entusiasmi dei tifosi sono ormai un vecchio ricordo annebbiato.

    MIRKO BORTOLOTTI. Due bocciature in due anni. Una firmata Red Bull e l’altra Ferrari. Mirko Bortolotti si dice deluso ma non arreso. Il sogno di diventare un pilota di F1 resta il suo primo obiettivo. La decisione del Ferrari Driver Academy è per me un po’ inaspettata e ne sono deluso. Dei miei test con la F1 posso dire che ho sempre avuto buone sensazioni, e gli ingegneri con cui ho parlato hanno sempre apprezzato le mie performance e il mio lavoro”, ha dichiarato il 21enne di Trento. La F1 arriva prima in testa ma intanto il ragazzo si guarda intorno con più realismo:“A essere onesti, stavo pensando di costruirmi una carriera con le vetture turismo o con le sport. Sono un pilota, non un sognatore. Dall’altro lato però, ho avuto così tanto incoraggiamento che sto ancora lavorando al mio obiettivo e non lo abbandonerò”, ha aggiunto.

    FERRARI. In tema di licenziamenti e cambi di ruolo, interviene il presidente Luca di Montezemolo. C’è molta attesa per conoscere l’organigramma della Gestione Sportiva per la stagione 2011. Si preannunciano piccole/grandi modifiche ma nessuna rivoluzione. E’ questa la filosofia Ferrari che Montezemolo ben spiega:“Non ripeteremo gli sbagli del passato. Ci saranno alcuni avvicendamenti, ma nulla di sconvolgente: soltanto il normale processo per cui le persone più valide in seconda linea raggiungeranno la prima. Con Pat Fry abbiamo solo introdotto nel team una persona nuova, ma il suo arrivo è stato deciso molto prima di Abu Dhabi”.