F1, Ferrari: Caldarelli il più veloce nel test per giovani piloti

Formula 1: è Andrea Caldarelli il giovane più veloce tra i tre che hanno avuto l'onore di debuttare al volante di una Ferrari di F1 dopo la partecipazione al campionato italiano di F3

da , il

    test f1 vallelunga piloti f3 caldarelli

    Il cronometro vale relativamente nel primo test con una Formula 1 che la Ferrari ha regalato, come consuetudine, ai primi tre classificati nel campionato F3 italiano. Vale poco ma vale. Ricordiamo tutti l’exploit di due anni fa firmato Mirko Bortolotti nel quale segnò il nuovo record del circuito riuscendo a mettersi talmente in mostra da far finire il suo nome sulla bocca di tutti gli appassionati italiani di corse. Non a caso, è attualmente inserito all’interno della Ferrari Driver Academy. Stavolta il più rapido è stato Andrea Caldarelli che ha condiviso con Stephane Richelmi e Cesar Ramos il volante della F2008.

    FORMULA 3. Per il terzo anno consecutivo, l’accordo tra Ferrari e ACI-CSAI regala ai primi tre classificati nel campionato italiano Formula 3 la possibilità di guidare una monoposto di Formula 1. Nel 2008 a Fiorano ci fu l’exploit di Bortolotti. Nel 2009 l’iniziativa è stata replicata a Jerez. Stavolta il teatro dell’evento è stato l’Autodromo Piero Taruffi di Vallelunga. Al volante di una F2008 si sono alternati al volante Cesa Ramos, 21enne brasiliano vincitore della serie, il secondo classificato Stephane Richelmi, 20 anni da Montecarlo e l’altro 20enne Andrea Caldarelli. L’abruzzese, terzo nel campionato di F3 2010 è stato invece il più veloce dei tre.

    TEST FERRARI F1. “Scendere in pista su una monoposto Ferrari è un’esperienza incredibile, oltre ogni aspettativa. Ho cercato di godermela fino in fondo perché ha rappresentato la realizzazione di un sogno. Durante il test, sono stato seguito da un team di professionisti che mi ha fatto sentire perfettamente a mio agio e che ha contribuito a rendere quest’avventura indimenticabile”, ha dichiarato Cesar Ramos al termine della propria esperienza. Stephane Richelmi ha parlato del grande salto di qualità che c’è tra F3 e F1:“Ho capito che c’è molto lavoro da fare e che guidare la Formula Uno necessita di grande allenamento e di un’attenta preparazione”. Essere uscito per ultimo lo ha probabilmente aiutato a trovare miglior grip, da qui arriva anche il miglior tempo di Andrea Caldarelli:“Provare la Ferrari è il sogno di tutti i piloti e non solo. Ho cercato di mettere da parte ogni timore reverenziale per non sprecare neppure un istante. Sarà una giornata che ricorderò sempre”. L’augurio è quello di rivederli presto nel programma giovani di Maranello Ferrari Driver Academy, vorrebbe dire che oltre ad essere stati impressionati dal Cavallino, il Cavallino è rimasto impressionato dalle loro potenzialità.