F1, Ferrari: Corea occasione unica

Formula 1: la Ferrari di Fernando Alonso e Felipe Massa punta molto sul Gran Premio di Corea come ultima occasione per ottenere una vittoria nella stagione 2011

da , il

    ferrari fernando alonso gp corea f1 2011

    La Ferrari sa che il Gran Premio di Corea di F1 2011 potrebbe essere l’ultima occasione per vincere una gara da qui a fine stagione. Fernando Alonso e Felipe Massa puntano a fare il massimo possibile in un weekend pieno zeppo di insidie e, quindi, di opportunità:“Cercheremo di vincere almeno un’altra gara - ha confermato il pilota spagnolo durante la conferenza stampa della FIA – La mia posizione in campionato non è molto importante perché non fa molta differenza arrivare secondo o terzo se non si può diventare campione. Il campionato Costruttori è più importante e, anche se la McLaren è un bel po’ davanti a noi”.

    FERNANDO ALONSO. La speranza di Alonso è quella di divertirsi. Tradotta in altri termini, l’asso di Oviedo vuole avere a Yeongam la stessa Ferrari del Giappone dove ha chiuso al secondo posto a pochi secondi dal vincitore del Gran Premio. “Qui un podio dovrebbe essere possibile e se riusciamo ad ottenere il massimo dalla vettura e tutto va per il verso giusto, possiamo cercare di vincere – ha confermato l’asturiano – Pensiamo di aver capito quale è stato il nostro problema a Singapore e di sapere come mai siamo andati meglio a Suzuka, ma ovviamente non vi dirò nulla adesso”. A chi gli chiede come sia possibile mantenere alta la motivazione e la concentrazione per il resto della stagione nonostante il campionato sia già chiuso, Alonso risponde così:“Siamo piloti e vogliamo vincere ogni gara a cui prendiamo parte. Se, per divertimento, partecipassi ad una gara di kart a dicembre e finissi secondo, mi darebbe una sensazione spiacevole. Dobbiamo correre per il team, gli sponsor, i tifosi e noi stessi, per cui è impossibile non essere motivati”.

    FELIPE MASSA. Anche Massa crede nel potenziale della Ferrari in Corea. Il brasiliano non si sbilancia ma vede positivo:“In questa gara vedremo alti livelli di degrado delle gomme. Già il fatto che la superficie della pista sia molto “verde” comporta sempre una maggiore usura degli pneumatici, in quanto c’è meno grip e così le auto scivolano di più. Non siamo sicuri della nostra competitività in qualifica ma con una gara difficile per tutti, la strategia sarà molto importante e tutto potrà cambiare molto rapidamente, il che significa che abbiamo tutte le possibilità per ottenere un risultato importante in questa gara”.