F1: Ferrari, il budget più alto del circus!

F1 - La scuderia più ricca del circus? La Ferrari! Da quanto si legge sull'ultima edizione del Business Book GP - la pubblicazione che ogni anno analizza le spese delle squadre impegnate nel mondiale di Formula 1 - il team di Maranello può contare su un budget di 199 milioni di euro, il più alto tra le scuderie F1

da , il

    Ferrari: il budget maggiore della F1

    F1 – La scuderia più ricca del circus? La Ferrari! Da quanto si legge sull’ultima edizione del Business Book GP – la pubblicazione che ogni anno analizza le spese delle squadre impegnate nel mondiale di Formula 1 – il team di Maranello può contare su un budget di 199 milioni di euro, il più alto tra le scuderie F1.

    Il Business Book GP fa anche notare che il budget medio del circus si è ridotto, passando dai 209 milioni del 2009 agli attuali 113, anche a causa del ritiro dal mondiale F1 di BMW e Toyota.

    FERRARI – Da segnalare la grande differenza tra la scuderia di Fernando Alonso e Felipe Massa e il team più povero del circus, la HRT, che può contare solo su 34 milioni di euro. Ma anche se resta saldamente in testa alla classifica dei team F1 più ricchi, la casa di Maranello ha comunque ridotto le proprie spese dato che più della metà del budget proveniva dagli sponsor, che come quasi tutte l aziende hanno risentito abbastanza della crisi economica. Riduzione di budget anche per le altre scuderie top – Mercedes, Renault e McLaren – mentre hanno incrementato i loro investimenti i campioni del mondo della Red Bull, la Lotus, la Sauber e la Virgin.

    BUDGET FORMULA 1Martin Whitmarsh, capo della FOTA, vuole ridurre ulteriormente le spese per il futuro, anche perché sa benissimo che non tutti i team hanno effettuato tagli significati (il passaggio dai 209 ai 113 milioni di euro è dovuto principalmente al ritiro di big come BMW e Toyota e all’arrivo nel mondiale F1 di scuderie low budget). Un’operazione di austerity che non dovrebbe incidere sullo spettacolo e la competitività delle monoposto, anche perché come dimostra l’inizio di stagione poco entusiasmante della Ferrari non è assolutamente vero che vince chi spende di più…