F1, Ferrari in Corea: la partita è ancora aperta

Formula 1: la Ferrari non esce soddisfatta dalle qualifiche del Gran Premio di Corea ma conserva ottimismo in vista della gara con Massa e Alonso ben messi sotto tanti punti di vista

da , il

    ferrari alonso corea f1

    La Ferrari non riesce a tenere il passo della McLaren. I tifosi della Rossa avrebbero voluto vedere Fernando Alonso in pole position nel Gran Premio di Corea. Avrebbero voluto festeggiare la sconfitta Red Bull gustandosi la crescita prestazionale della monoposto italiana. Così non è stato. E nessun segnale durante la seconda metà della stagione mai lo aveva fatto ipotizzare. Resta, però, il ricordo di quanto successo sette giorni fa in Giappone dove durante la gara si è vista un’incredibile trasformazione della 150° Italia. Nel box del Cavallino sperano nel bis, soprattutto confidando nella buona risposta avuta dagli pneumatici Pirelli.

    FERNANDO ALONSO:“Ho perso un paio di decimi alla prima curva e non sono riuscito a recuperarli. La nostra performace comunque è questa. Siamo da terza fila. Speriamo però in gara di essere competitivi come a Suzuka dove siamo stati al livello di McLaren e Red Bull”, ha dichiarato il pilota spagnolo commentando la qualifica del GP di Corea 2011, evidentemente non all’altezza dei propri standard. Alonso era l’unico tra i due piloti Ferrari ad usare la nuova ala anteriore. Caustico il parere:“Abbiamo montato sulla mia macchina il nuovo alettone ma sono ancora sesto”.

    FELIPE MASSA:“Ho fatto un buon giro. Sono uscito la prima volta con gomme usate ed ho fatto un buon giro e questo è positivo. Resta il fatto che siamo sempre dietro a quattro macchine. Spero sia una buona gara domani senza episodi strani (leggasi contatti ravvicinati con Hamilton). Non sarà facile. Il consumo delle gomme è stato migliore di quello che ci si aspettava”.

    FERRARI - SMEDLEY:“I nostri piloti sono distanti solo di un decimo. Massa ha fatto un buon giro. In sessione era confuso tra soft e supersoft ma alla fine ha tirato fuori un tempo fenomenale. Abbiamo visto che le McLaren, soprattutto Hamilton, vanno forte. Dipende dal grip che la macchina genera. Da quello che abbiamo visto stamattina il degrado era molto buono e questo ci ha addirittura sorpreso. Speriamo che domani la macchina vada bene”.