F1, Ferrari: Massa non vuol fare il Barrichello

Formula 1: a pochi giorni dal GP del Giappone d F1 2010 Felipe Massa lancia un'intervista piccante contro la Ferrari nella quale dichiara di non voler fare il nuovo "Barrichello"

da , il

    massa alonso ferrari f1

    Il Gran Premio del Giappone si avvicina ed il clima si scalda in casa Ferrari. Proprio nel momento in cui sembrava che Felipe Massa fosse destinato ad accettare senza batter ciglio il ruolo di seconda guida conclamata, il brasiliano se ne esce con un intervento a gamba tesa:“Sono sicuro che la Ferrari non farà di me un altro Rubens Barrichello. Se questo dovesse succedere, smetterei di correre per la Ferrari. Io non partecipo a nessuna gara con l’obiettivo di arrivare secondo”. Pronta è arrivata la replica, direttamente dal Presidente Montezemolo che ha telefonato al pilota.

    FELIPE MASSA. Sa quali umiliazioni ha subito Rubens Barrichello. Per questo si taglierebbe una mano pur di non rivivere l’esperienza del compagno di squadra di Michael Schumacher. Felipe Massa è convinto di avere il pedigree del campione. Non quello della seconda guida. Ed aspetta con ansia il suo momento magico. Nel frattempo ci tiene a sottolineare che la Ferrari ha il diritto/dovere di trattarlo da primo della classe. Al pari di Alonso. Parlando al magazine tedesco Sport Bild, Massa mostra uno spirito battagliero da top driver:“Sono sicuro che il prossimo anno posso vincere”.

    FERRARI. Per la tranquillità del brasiliano, della squadra e di Fernando Alonso che sull’aiuto di Massa - o quantomeno sul non fastidio – ci conta, la replica della Ferrari arriva immediata. Ed è firmata Luca di Montezemolo il quale, dopo avergli chiesto nei giorni scorsi un supporto concreto al compagno di box, ora rassicura il pilotino:“Felipe è e resterà sempre un primo pilota per la Ferrari. Mi aspetto da lui nelle prossime quattro gare e, con gomme diverse l’anno prossimo, delle prestazioni da primo pilota: saranno fondamentali per portarci delle vittorie e per togliere punti importanti ai nostri avversari diretti in questa lotta per il Mondiale”. Il Presidente della Ferrari racconta di aver parlato telefonicamente con Massa e con Alonso per dar loro la carica in vista dell’appuntamento di Suzuka:“Ho sentito Fernando molto concentrato e determinato, come del resto tutta la squadra. E un momento importante e sono certo che tutti daranno il massimo per raggiungere i nostri obiettivi”, ha scritto sul sito ferrari.com