F1, Ferrari-Massa: voci di divorzio

Formula 1: si intensificano le voci di divorzio tra la Ferrari e Felipe Massa

da , il

    Felipe Massa divorzia da Ferrari?

    C’è chi crede che, a questo punto, la Ferrari sia obbligata a far uscire allo scoperto Stefano Domenicali. Per il bene del loro campionato e dell’equilibrio psichico di Felipe Massa c’è bisogno che un uomo vestito di Rosso sbuchi dal motorhome di Singapore e smentisca categoricamente la voci che stanno montando negli ultimi giorni e che danno il pilota brasiliano vicino all’addio dalla scuderia italiana. Lo scenario è complesso anche perché qualcuno, in verità, si aspetta che sia proprio il pilotino a parlare. Ma basterebbe pochissimo per diradare le nubi. Basterebbe una parola. Arriverà? Se no, perché?

    FERRARI. L’ultima indiscrezione parla di un Felipe Massa in Sauber per far posto a Robert Kubica in Ferrari il quale darebbe il semaforo verde per l’approdo di Raikkonen in Renault a fianco del solito riccaccio Vitaly Petrov. I miei informatori dicono altro. Mi rifiuto di credere a tutto ciò. Il punto è che, ad oggi, la decisione su un eventuale divorzio Massa-Ferrari sta nelle mani del brasiliano e non del team italiano. Mi spiego meglio: può accadere che Massa chieda di andarsene. E allora a Maranello dovranno trovare un sostituto (da Raikkonen a Sutil, non passando per Kubica). E’ impossibile che sia Stefano Domenicali a mandarlo via in modo analogo a quanto accaduto al biondo di Espoo nel 2009. Ciò che può e deve accadere adesso è una conferenza stampa che chiarisca la questione. I casi sono due. Primo, la Ferrari conferma la fiducia a Felipe Massa (anche se non ce ne sarebbe bisogno visto il contratto già firmato) e mette a tacere queste illazioni. Secondo, Felipe Massa conferma la fedeltà al Cavallino e approfitta della situazione per dichiararsi alleato e gregario di Fernando Alonso per il rush finale della stagione 2010.

    FELIPE MASSA. E’ la seconda ipotesi quella che il responsabile della comunicazione Ferrari Luca Colajanni sta preparando. Il piano è questo: se il tam tam mediatico dovesse alzare la febbre da gossip, Massa parlerà già a Singapore. Se, invece, riusciranno a tenere a freno i bollenti spiriti dei cronisti, allora l’autoproclamazione del brasiliano al ruolo di gregario di Alonso sarà procrastinata più in avanti possibile per evitare le solite polemiche da parte dei team rivali. Effettivamente, regalare una vittoria al proprio caposquadra nell’ultima gara del mondiale non scandalizza. Farlo a 5 giornate dal termine è un altro conto…