F1, Ferrari: Montezemolo zittisce la Red Bull

Luca Cordero di Montezemolo risponde alle accuse di Helmut Marko, il consulente della Red Bull che la scorsa settimana ha dichiarato che la Ferrari ha provato a sottrarre alcuni tecnici alla squadra austriaca

da , il

    montezemolo wrooom

    La Ferrari risponde alla Red Bull dopo le accuse da parte del team austriaco a quello di Maranello, colpevole, secondo la squadra del bibitone, di aver tentato di sottrarre alcuni tecnici al team campione del mondo in carica. A prendere la parola questa volta è stato direttamente il Presidente Luca Cordero di Montezemolo, che ha minimizzato le affermazioni dei rivali di Milton Keynes criticandoli a sua volta per il comportamento decisamente poco consono a un team iridato…

    FERRARI VS. RED BULL. Proseguono le scintille tra Red Bull e Ferrari anche ora che il mondiale 2010 di Formula1 si è concluso e ormai ci sia avvicina alla prossima stagione. Dopo le accuse della scorsa settimana da parte di Helmut Marko alla Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo ha risposto per le rime al consulente sportivo del team austriaco. Secondo Marko infatti, a Maranello avrebbero tentato di sottrarre alcuni tecnici alla squadra austriaca. Immediata la risposta del cavallino, che ha zittito i colleghi di Milton Keynes suggerendo che un simile comportamento non appartiene sicuramente ad un team campione del mondo. Touchè. Non solo, secondo il presidente in rosso, simili illazioni non meriterebbero nemmeno una risposta, dal momento che la Red Bull non ha vinto neanche una minima parte di quanto conquistato dalla Ferrari in Formula1.

    LUCA CORDERO DI MONTEZEMOLO. “Noto con piacere che ci sono state delle piccole polemiche”, ha ironizzato il Presidente della Ferrari nel corso del tradizionale press meeting Wrooom in corso a Madonna di Campiglio. “Qualcuno ha vinto il titolo di campione del mondo e forse non è abituato a farlo dal momento che si dice preoccupato. Ma questo fa parte del gioco, è normale. Forse quando una squadra riuscirà a vincere il dieci per cento di quanto abbiamo vinto noi allora gli risponderemo. Per ora guardiamo avanti con serenità: che vinca il migliore”.