F1, Ferrari: pezzi dell’auto 2012 già in pista quest’anno

Formula 1: la Ferrari è ufficialmente al lavoro sulla monoposto del 2012

da , il

    ferrari f1 2012 nuovi pezzi

    La Ferrari è concentrata sulla vettura di F1 2012. A raccontare il procedere del lavoro è il capo dei designer Nikolas Tombazis che anticipa due filoni molto interessanti di crescita. Il primo riguarda la presenza di nuove componenti che saranno già testate a partire dal prossimo GP di Suzuka. Ad esempio, una nuova ala anteriore. Il secondo è legato all’approccio più aggressivo: finalmente qualcuno spiega cosa significhi questa frase che più volte Stefano Domenicali e altri hanno usato. Si tratta di andare a cercare nuove strade di sviluppo che, nell’ottica di una crescita più conservativa, erano state drammaticamente accantonate.

    FERRARI F1 2012. La Ferrari tutta è con la testa al 2012. Nelle restanti 5 gare dell’anno si tenterà di onorare la stagione ma non ad ogni costo. Ben più importante è sfruttare i chilometri a disposizione per anticipare lo sviluppo della monoposto del prossimo anno. “In questo momento siamo nella fase di finalizzazione delle principali componenti - ha raccontato Nikolas Tombazis, Chief Designer della Ferrari – Questo vale soprattutto per il telaio, il layout generale della vettura, le sospensioni e il cambio. Alcuni di queste componenti sono ora nella fase di produzione, mentre altre sono giunte alla fase finale del processo di progettazione. Siamo nel bel mezzo dello sviluppo dell’aerodinamica ed è giusto dire che ora siamo completamente concentrati sulla nuova vettura”.

    F1 2012. Le regole del 2012, eccezion fatta per il divieto di usare gli scarichi che soffiano sul diffusore, sono piuttosto simili a quelle del 2011. Sarà difficile, quindi, recuperare sulla Red Bull a meno che non cambi la prospettiva di progettazione:“Alcune componenti della 150º Italia saranno utili per il prossimo anno. Nelle rimanenti gare, sperimenteremo nuove soluzioni, avendo questo obiettivo in mente. Per esempio, potremmo provare una nuova ala anteriore che ha un approccio diverso in termini di funzionamento - ha proseguito il tecnico ellenico – Un approccio più aggressivo è stato il risultato delle analisi che abbiamo effettuato dopo le sconfitte subite nel corso degli ultimi anni. Ci siamo resi conto che abbiamo avuto un modo di procedere un po’ troppo conservatore che ci aveva chiuso ad alcuni filoni di sviluppo. Quindi, per la vettura del prossimo anno, abbiamo sancito un metodo molto più aggressivo sul fronte aerodinamico, che ha richiesto un rapporto più stretto di lavoro con coloro che sviluppano la struttura della vettura stessa”. Tombazis ha spiegato che è cambiato il modo di utilizzare la galleria del vento con più attenzione alla fase di “invenzione” di nuove componenti da testare. Da ciò deriva la convinzione da parte della Ferrari di lasciare a bocca aperta gli addetti ai lavori al momento della presentazione della nuova monoposto:“Penso che visivamente, la nuova vettura sarà abbastanza diversa dalla precedente e sicuramente stupirà, come detto dal nostro Team Principal Stefano Domenicali quando ha visto il modello”.