F1, Ferrari: quali opportunità dal GP del Giappone?

Formula 1: la Ferrari commenta i risultati delle qualifiche del Gran Premio del Giappone

da , il

    ferrari gp giappone f1 alonso massa

    La Ferrari esce con il solito risultato senza acuti anche dalle qualifiche del Gran Premio del Giappone 2011. Il copione della gara di Fernando Alonso e Felipe Massa sembra già scritto. Il fatto che il brasiliano sia davanti allo spagnolo poco conta. In gara è molto probabile che, se non al via un po’ più in là, le posizioni si invertano mentre la Red Bull di Webber che sta dietro rampa feroce sui tubi di scarico delle vetture italiane e le McLaren vanno in cerca di gloria contro il solito stellare Sebastian Vettel.

    FERRARI. Qualcuno sperava di vedere anche Alonso là davanti assieme a Vettel, magari al posto delle McLaren. Almeno una volta da qui a fine stagione, i tifosi Ferrari speravano di trovare qualche soddisfazione. La realtà è diversa. L’inversione di rotta non arriva ed anzi il solco aumenta. Adesso le Rosse di Maranello sono nettamente le terze forze del campionato. “Credo che Felipe abbia fatto un lavoro eccezionale. Fernando ha avuto dei problemi a causa della sua prima uscita – ha dichiarato Pat Fry commentando le qualifiche del GP del Giappone Sarà interessante vedere il degrado degli pneumatici in gara domani che porterà a varie strategie. Alcuni hanno risparmiato dei treni di pneumatici, altri no”. Conoscendo la storia di questo 2011, difficile credere che le gomme Pirelli saranno in qualche modo d’aiuto alla Ferrari per colmare il gap da chi parte loro davanti.

    FELIPE MASSA:“E’ stata una qualifica difficile. Non è stato facile mettere tutte le curve insieme. Ci sono riuscito. Avremo una gara che si preannuncia più calda degli scorsi anni e il degrado delle gomme sarà molto elevato e questo farà la differenza. Speriamo di essere in una buona posizione domani”.

    FERNANDO ALONSO:“Vettel e le due McLaren sono stati sempre più forti di noi per cui era previsto questo risultato. Speriamo domani di fare una buona partenza per mettere pressione alle McLaren e vedere poi cosa succede. Per noi la vittoria è lontana ma il podio può essere un obiettivo realistico. Dipende da quello che succederà”.