F1, FIA: scarichi soffiati vietati da Silverstone

Formula 1: la FIA non penalizza Jenson Button per gli incidenti con Hamilton e Alonso e conferma la sua vittoria

da , il

    jenson button canada f1 2011

    Nella domenica del Gran Premio del Canada la FIA ha preso due importanti decisioni: la prima riguarda il vincitore della gara Jenson Button che non sarà penalizzato né per il contatto che ha messo fuori causa Lewis Hamilton, né per quello costato il ritiro a Fernando Alonso. La vittoria resta nelle sue mani. Altra notizia riguarda la nota polemica sugli scarichi soffiati: il governo della F1 ha finalmente preso una decisione vietandoli a partire dal GP di Gran Bretagna. Il prossimo GP d’Europa, quindi, sarà l’ultimo con le vetture nell’attuale configurazione. Dopodiché tutto potrebbe succedere. Persino che la Red Bull non sia più imbattibile.

    JENSON BUTTON. Vittoria confermata per Jenson Button. Il pilota McLaren ha concluso il Gran Premio del Canada non sapendo cosa avrebbero deciso su di lui i commissari per il contatto che ha messo fuori causa Fernando Alonso. Per quello costato il ritiro al compagno di squadra Lewis Hamilton, invece, si erano già pronunciati definendolo un normale evento di gara. In ogni caso, sarebbe stato difficile, anche a livello di opinione pubblica, penalizzare il pilota inglese dopo l’impresa compiuta. Certo è che in questa F1 sembra ancora mancare uniformità di giudizio.

    SCARICHI SOFFIATI. La polemica sugli scarichi soffiati anche in rilascio utilizzati inappropriatamente come sistemi aerodinamici sta per finire. La Federazione ha finalmente preso una decisione vietandoli a partire dal GP di Gran Bretagna del prossimo 10 Luglio. Dal 2012, inoltre, i gli scarichi che soffiano sul diffusore saranno completamente aboliti. “Quando il sistema di scarico continua a soffiare i gas, influenza le caratteristiche aerodinamiche della vettura. Riteniamo, dunque, che questo violi l’articolo 3.15 del regolamento tecnico che vieta i dispositivi aerodinamici mobili”, ha spiegato il Charlie Whiting della FIA.