GP Australia F1 2016, risultati gara: vince Rosberg, Vettel a podio [FOTO]

Partenza grandiosa delle Ferrari, poi l'incidente di Alonso azzera il vantaggio

da , il

    GP Australia F1 2016, la gara – Doppietta. Rosberg-Hamilton. Come ad Abu Dhabi. Mercedes in trionfo, ma non è la gara che ci si attende. Al via Hamilton parte malissimo, le Ferrari sono due fionde, Vettel aggresssivo si prende il comando e Raikkonen lo segue. La doppietta, per la prima parte di gara è tutta Rossa. Poi arriva un botto pauroso di Alonso, a centrare Gutierrez e il gran premio viene sospeso al giro 19. Bandiera rossa, con Hamilton dietro, solo settimo, causa partenza al rallentatore e sceglie la strategia da ultima spiaggia: gomme medie, copiata poi da Rosberg. Sono quelle che permetteranno a tanti di risparmiare un pit-stop e andare all’arrivo. Vettel e la Ferrari continuano a insistere sulle gomme più morbide, ma il gap non è sufficiente giro dopo giro per creare distanza su Rosberg. Nico si prende la gara quando Vettel è costretto alla seconda sosta per montare le morbide. Rientra dietro le due Mercedes e chiude a podio. Seguite con Noi LIVE in diretta la gara del Gran Premio del Qatar MotoGP 2016.

    La cronaca della gara

    Gara rovinata dalla bandiera rossa, che è diventata ancora peggiore con il ritiro di Raikkonen per problemi tecnici. La top ten vede festeggiare Ricciardo, quarto davanti a una Williams deludente. sorprende, invece, il team haas, che fa un solo pit con Grosjean e agguanta la sesta posizione, girando come Hulkenberg eBottas, in trenino fino al termine. Toro Rosso è l’altra scuderia che ha perso di più con l’esposizione della bandiera rossa. Sainz e Verstappen veleggiavano subito dietro Ferrari e Mercedes, ma si ritrovano a dover recuperare perché avevano da poco fatto la sosta ai box e piombati dietro. Riusciranno a passare le monoposto davanti e arrivare a punti con Carlos.

    a cura di: Fabiano Polimeni

    Classifica GP Australia F1 2016

    57/57 - Verstappen rabbioso, ha ripreso Sainz, ma manca solo un giro. Rosberg taglia il traguardo e vince il Gran Premio d’Australia!! Hamilton secondo, Vettel terzo. Peccato per l’occasione sfumata visto come si erano messe le cose.

    55/57 – Giri conclusivi per Rosbergm poi Hamilton a 6.9, Vettel a 7 decimi, Ricciardo quarto e autore del giro più veloce. Non si prospettano variazioni in questi ultimi due giri, nemmeno Sainz ha il margine per attaccare Bottas.

    Vettel va lungo alla penultima curva e si allontana da Hamilton finendo a 4 secondi. Gara cristallizzata a questo punto

    53/57 - Testacoda di Verstappen in curva 15, riparte ma è staccato ora da Sainz. Vettel non ha lo spunto per passare Hamilton, gira 2 decimi più veloce e resta a 5 decimi. Verstappen ha toccato la posteriore sinistra di Sainz, che aveva bloccato l’anteriore sinistra in frenata.

    51/57 – Mancano solo 6 giri al termine, Vettel è a 1.0 da Hamilton, 9 decimi dopo il T2. Hamilton è andato lungo in curva 9, ecco spiegato il tempo perso. Seb apre il DRS ed è in scia di Hamilton

    48/57 - Verstappen continua a lamentarsi via radio, vorrebbe strada libera da Sainz e lanciarsi all’attacco di Bottas. Carlos però gira bene ed è in scia di Bottas. Ricciardo giro record: 1.29.466. Vettel è a 3.7 da Hamilton, prende 9 decimi a Rosberg, ma non è l’obiettivo realistico

    46/57 - Ricciardo ha ripreso Massa e lo passa agevolmente, quarto Daniel. Vettel prende 8 decimi a Hamilton, distante 4.4. Rosberg autorevole al comando, mantiene 10.4 su Lewis. Molto bene Haas, a sorpresa, subito a punti e sui tempi di Force India e Williams. Stanno arrivnado però le Toro Rosso, molto più veloci e potenzialmente in grado di andare a prendersi la posizione su Grosjean.

    43/57 - Ricciardo ai box, monta le supermorbide e torna quinto, dietro Massa di 5.9, recuperabilissimi.Davanti ora tutti girano sul 31 basso: 31.0 Rosberg, 30.8 Hamilton e 30.8 Vettel. Differenze marginali, si prospetta il terzo posto per Vettel.

    42/57 – Torna a guadagnare 1.3 Vettel, i tempi di tutti si sono alzati. Hamilton attacca Ricciardo in curva 1 col Drs ed è secondo. Doppietta Mercedes con Lewis che ha strada libera, 9.8 da recuperare. Sainz riesce a passare Palmer, Verstappen dietro ne approfitta ma Palmer tiene la staccata e alla fine riesce Verstappen. Bella lotta tra i tre

    41/57 - Ericsson va lentamente, è ultimo e via radio dice di aver rotto la trasmissione. Hamilton a 5 decimi da Ricciardo. Ora Vettel gira in 1.31, solo 6 decimi presi a Rosberg e Hamilton, che è a 6.4

    40/57 - Con pista libera Vettel mangia 1.5 a Rosberg e Ricciardo. Hamilton perde 8 decimi. Il problema sarà superare poi le Mercedes, dopo averle riprese. Hamilton è a 1 secondo da Ricciardo. Le gomme di Rosberg hanno 21 giri, Hamilton 22, Ricciardo 21. Vettel solo 4 e ne mancano 17 ancora.

    39/57 - Bella lotta tra Palmer e Sainz, Carlos prova l’attacco e si scopre su Verstappen, che ha chiesto al box se può attaccare. “Sì” dal muretto, niente di più. Vorrebbe un ordine di scuderia, continua a chiedere “Fammi provare”, ma il muretto non può dare istruzioni a Sainz. Gara libera. Vettel conserva il ritmo da 30.6, guadagna 1 secondo a Rosberg e Hamilton

    +++ Le previsioni Pirelli alla vigilia davano un delta di prestazione tra gomme morbide e medie di 1.5 secondi +++

    35/57 – Rosberg continua sul piede del 31.9, come Ricciardo, però sulle morbide. Hamilton ha 11.3 dalla testa della corsa, Vettel 21.7 e conserva 4.6 su massa, poi Grosjean a 11″ e sempre con Hulkenberg a 1 secondo e Bottas a 1.7. La top ten vede un ottimo Palmer, davanti a Sainz. Verstappen è in battaglia con il compagno di team e la Renault

    35/57 – Pit di Vettel, rientra dietro Rosberg, Ricciardo e Hamilton e si ritrova con gomme morbide nuove. Adesso dovrà fare 20 giri con il coltello tra i denti. Ha perso 2″5 per un cambio problematico dell’anteriore sinistra

    34/57 - Hamilton il più veloce in pista, Vettel è stato ripreso da Rosberg. Con questo trend, Lewis può salire sul podio e Seb perdere la gara

    32/57 - Vettel sta perdendo costantemente da Rosberg, ha solo 2.3 di vantaggio. Gara difficile per Seb. Dopo Sainz c’è lo stop di Verstappen, ora spinge Hamilton, fa ill suo miglior giro, in 1.31.4 con le medie per provare a liberarsi delle due Toro Rosso che lo precedevano. Tanto tempo perso da Verstappen, le gomme non erano pronte.

    31/57 – Vettel lascia 2 decimi a Vettel. La bandiera rossa ha distrutto la gara della Ferrari, resta da capire la scelta di continuare con gomme supermorbide alla ripartenza e non variare andando sulle medie.Sainz rientra ai box, era stato attaccato da Hamilton, difendendosi bene. Dopo 10 giri Sainz passa alle medie.

    29/57 - Vettel copia i tempi di ROsberg, il divario tra i due è di 2.8 a vantaggio della Ferrari. Anche Ricciardo fa 31.8, a 3 decimi da Vettel, con gomme morbide, le stesse delle due Toro Rosso, poi da Hamilton a Perez, tutti con le medie. Button, 13mo è l’unico insieme a Vettel con le supermorbide. Guardando alla strategia 2015, quando Hamilton vinse la gara con una sola sosta, le medie dimostrarono di poter durare 40 giri e più.

    28/57 - Hamilton è sempre dietro Sainz, a 7 decimi, con gomme medie contro le morbide di Sainz. Perez è in scia a Button, per la 12ma piazza. Dalla McLaren fanno sapere che Alonso è uscito dal centro medico e ricevuto l’ok di chi l’ha visitato.

    26/57 – Ricciardo ha 5.6 secondi da Rosberg e 2.3 su Verstappen, poi Sainz a 9 decimi da Max e con 8 decimi su Hamilton. E’ il primo pacchetto in bagarre, poi abbiamo Grosjean, Hulkenberg, Bottas in lotta per l’ottava posizione. Drive through per Ericsson, i meccanici hanno lavorato sulla macchina ai 15″ dalla ripartenza. Vettel adesso ha fatto un giro molto lento, in 31.7 e perso 8 decimi su Rosberg. La speranza per la Ferrari è che in Mercedes non riescano ad andare fino all’arrivo.

    24/57 - Ecco i tempi che deve fare Vettel per vincere la gara: 1.29.9, rifila 1 secondo a Rosberg. Andrà fino alla fine Nico? Se così fosse, Seb deve mettere tra sé e la Mercedes circa 24 secondi per effettuare la sosta obbligatoria e montare le morbide. Viceversa, in caso di ulteriore sosta Mercedes, la partita è alla pari.

    23/57 – Raikkonen si ferma ai box e si ritira, dice di aver rotto qualcosa. In fiamme la SF16-H, motore fuori gioco

    22/57 – Button ha passato Perez, è 13mo. Vettel continua a spingere, ma ora ha solo 2 decimi di margine al giro su Rosberg. Hamilton sta perdendo 1.4 secondi rispetto ai primi, bloccato dietro alle Toro Rosso e Ricciardo,

    20/57 – Riparte il gran premio. Vettel conserva la prima posizione, Raikkonen non riesce a stare vicino a Rosberg , dietro ha Ricciardo, con le Toro Rosso che tengono alle spalle Hamilton. Verstappen in scia di Ricciardo, prova l’esterno in curva 3, ma non ce la fa. Posizioni invariate nella top ten. Raikkonen ha perso l’occasione in partenza per attaccare Rosberg. Vettel fa 1.30.5 al primo giro, dà 7 decimi a Rosberg e Raikkonen.

    19/57 – Le scelte di gomme precedenti alla sospensione sono state modificate. Solo Vettel, Raikkonen, Ericsson, Button, Nasr con supermorbide. Gomme medie per Rosbergm Hamilton, Massa, Grosjean, Hulkenberg, Bottas, Palmer, Perez e Magnussen. Morbide per Ricciardo, Verstappen, Sainz e Wehrlein. Chi ha le medie punta a non fermarsi più

    6:52 – Pista pulita, fra 3 minuti la ripartenza. Non ci sarà Haryanto, si è ritirato.

    Si ripartirà alle 6:55. L’articolo 41 del Regolamento sportivo consente di intervenire sulle monoposto, la ripartenza si avrà dietro safety car

    19/57 – La bandiera rossa servirà a pulire la pista, con tantissimi detriti in curva 3. Gutierrez sembra abbia staccato in anticipo o, comunque, lo spostamento ha portato a farsi centrare da Fernando. Un incidente di gara, verrebbe da dire.

    Si ripartirà così:

    VETTEL – supermorbide

    ROSBERG – morbide

    RAIKKONEN- supermorbide

    RICCIARDO- supermorbide

    VERSTAPPEN- morbide

    SAINZ- morbide

    HAMILTON-medie

    MASSA- morbide

    GROSJEAN- morbide

    BOTTAS-medie

    HULKENBERG-medie

    PALMER- morbide

    PEREZ -medie

    ERICSSON- morbide

    BUTTON- morbide

    NASR- morbide

    WEHRLEIN- morbide

    HARYANTO- morbide

    MAGNUSSEN- morbide

    19/57 – Bandiera rossa, gara sospesa. Alonso ha attaccato Gutierrez all’esterno, ed è stato tamponato da Fernando, ha perso l’anteriore destra con posteriore sinistra, è andata a muro la McLaren e poi senza ruote si è capottato. Fernando sta bene, scosso. Nello stesso punto, nel 1996, ebbe un drammatico incidente Brundle, con un commissario che perse la vita, colpito da una ruota. Bandiera rossa adesso, gara fermata.

    18/57 – +++ Gravissimo incidente tra Gutierrez e Alonso, McLaren devastata +++ Fortunatamente Fernando esce dalla macchina capottata e cammina. Sta bene. Ma che botto in curva 3. Macchina letteralmente accartocciata.

    17/57 - Raikkonen e Hamilton rientrano insieme, poi le due Force India. Ancora gomme supermorbide per Kimi, medie per Hamilton. Grande incognita questa, punta ad andare fino al traguardo! Doppia bandiera gialla esposta intanto. Gomme medie anche per le Force India. Safety car in pista

    16/57 – Le TOro Rosso si liberano di Bottas e sono ottava e decima. Parziali record di Vettel,le Force India, sono quinte e seste, senza pitstop effettuato. Vettel stampa 1.30.7, supergiro, Rosberg 31.9. Hamilton e Raikkonen sono netrambi sul 34.1-34.2 Kimi potrebbe adottare una strategia diversa visto che non è rientrato al momento. Vettel ha preso Hamilton e passato in pista.

    14/57 - Lotta durissima in curva 3 tra Vettel su gomme supermorbide e Rosberg con le gialle. Resta davanti Seb. Raikkonen fa 34.0, lento, deve rientrare. Hamilton gira 33.8 adesso, poi Vettel, Rosberg giro record, in 31.2.

    13/57 - Hamilton chiede una strategia diversa. Si ferma Vettel per proteggersi dall’undercut di Rosberg. Probabilmebte pagherà dazio Raikkonen. Verstappen si ferma insieme a Seb. Tutti hanno montato le gomme morbide al primo stop.

    13/57 - Pit di Rosberg, seguito da Ricciardo. Lotta Bottas Palmer in pista, la Williams sale 11ma ma Palmer non ci sta e mette pressione. Resta dietro. Al box Palmer e Alonso.

    12/57 - Pit di massa, Ericsson e Wehrlein. Ricciardo sta recuperando 1 secondo al giro a Hamilton, è a 3.1

    11/57 – In Mercedes potrebbero pensare a una sosta con Hamilton per non perdere troppo tempo dietro Verstappen, ma così facendo rientrerebbe nel traffico al momento. Reggono molto bene le supermorbide dopo 10 giri. I primi tre tutti sui 32.5. Verstappen ha 7.6 di distacco da Rosberg e sta bloccando Hamilton. Si ferma Nasr, gomme morbide per lui. Sainz è rientrato prima in 17ma posizione. Bene la McLaren, nei punti. Crollo delle gomme di Massa, fa 36.1 nell’utlimo giro

    10/57 – Si alzano i tempi, 32.5 Vettel, 32.7 Raikkonen, Rosberg copia il giro di Vettel e Hamilton non riesce a passare Verstappen. Riesce invece Ricciardo a prendersi la sesta posizione, passa Massa.

    9/57 – I tempi della Ferrari tengono, si gira sempre sul 32.2, Rosberg ha dovuto lasciare spazio su Raikkonen, è a 1.3 e gira in 32.6. Si ferma Sainz, primo pit dell’anno per cambio gomme. Hamilton soffre dietro a Verstappen, i suoi tempi si alzano. Per la Toro Rosso di Sainz gomme morbide, mentre Bottas passa Ericsson in curva 1: 14mo.

    6/57 - Giro record di Rosberg, 31.5, si porta a 1 secondo da Raikkonen e può usare il Drs. Vettel e Kimi girano stabili sul 32.2, ora Rosberg 32.4, Verstappen 32.8 e Hamilton 32.2. Massa lascia 1 secondo, Sainz è a soli 7 decimi da una Williams deludente. Hamilton ha preso Verstappen, 6 decimi dietro. Per la 12ma posizione lottabo Button e Palmer, 8 decimi dietro la McLaren.

    5/57 – In partenza, Hamilton ha perso tempo anche in curva 1, ritrovatosi con Rosberg davanti, dopo la lotta con Vettel. Seb gira in 32.0, come lui Hamilton, liberatosi di Massa. Raikkonen è a 2 secondi, Rosberg a 2.8, Verstappen a 5.2, Hamilton a 6.5

    3/57 – vettel gira forte sul 32.1, Raikkonen 32.3, Rosberg 32.7! Hamilton fa 33.0, rallentato da Massa che gira in 33.3. Verstappen può sognare di andare a prendere Rosberg, ha 1.3 di divario. Hamilton prova a usare il DRS verso curva 3, attacca ma si difende Massa, però traiettorie incrociate e Lewis supera Felipe in curva 4: è quinto

    2/57 - Gutierrez ha problemi al motore. Hamilton prova a passare Massa ma Felipe sta davanti e deve guardarsi da Sainz che sta prendendo la Mercedes. Verstappen è ottimo quarto, con margine su Massa.

    1/57 – Via al Gran Premio d’Australia! Hamilton parte malissimo Vettel si fionda davanti e attacca Rosberg, Vettel primo, Raikkonen secondo, poi Rosberg, Verstapppen, Massa e Hamilton che prova a recuperare ma è dietro, solo sesto. Pessimo start di Lewis. Che battaglia tra Vettel e Rosberg. Ferrari lepri, volano nel primo giro. Bagarre a centro gruppo tra alonso e Palmer. Foratura di Magnussen. partito male anche Perez, mentre Wehrlein ha guadagnato 7 posizioni!

    Vettel, Raikkonen, Rosberg, Verstappen, Massa, Hamilton, Sainz, Hulkenberg, Ricciardo e Alonso la top ten

    1/58 - Procedura di partenza abortita, è rimasto fermo Kvyat mentre stava per prendere la piazzola in 18ma posizione. Si farà un altro giro di formazione, Kvyat partirà dai box se riuscirà e il computo dei giri diminuisce di 1. Kvyat è uscito dalla macchina, difficile che possa partire quindi. Sarà un guaio di natura tecnica e non un errore del pilota ad aver bloccato la Red Bull. I commissari hanno portato la macchina in corsia box però e Kvyat si prepara di nuvoo a entrare in abitacolo

    6:00 – Via al giro di formazione!

    Griglia di partenza

    5:58 – Punto sulle mescole! I primi 8 partono con supersoft usate in Q2. Le Force India, Button, Bottas, Kvyat, Grosjean, Gutierrez con gomme morbide. Alonso, le Renault, le Sauber e le Manor con supermorbide nuove

    5:54 – «La partenza sarà una grande incognita perché si partirà con una sola frizione. Le gomme nuove, la strategia, nessuno sa come andrà», dice Lauda

    5:48 – «Ieri è stata una gran giornata, ora cerchiamo di recuperare ancora in partenza», dichiara in griglia Max Verstappen

    5:45 – Attenzione a un dato: 37° C. E’ la temperatura attuale dell’asfalto, radicalmente diversa dai 23° C delle qualifiche di ieri. Sarà l’elemento chiave nel comportamento e durata delle gomme

    5:40 - Mancano 20 minuti al semaforo e c’è un allentamento sulle comunicazioni radio. Muretto e pilota potranno aggiungere alle poche comunicazioni consentite quelle legate alla propria strategia, l’utilizzo di quali coperture, quando fermarsi e come variare la tattica

    5:31 - Torniamo all’attualità del Gran Premio d’Australia. Pitlane aperta, 15 minuti per fare qualche giro e schierarsi in griglia

    5:30 – L’Aci era riuscita a gestire la trattativa per arrivare a garantire 20 milioni di euro insieme ad AC Milano, assicurati da un emendamento alla Legge di stabilità, che permetteva all’automobil club di impiegare i ricavi derivanti dal PRA (salvando lo stesso dalla chiusura, accorpandone le funzioni con la Motorizzazione) per finanziare il raggiungimento dell’accordo. A fine dicembre Sticchi Damiani dava l’accordo a portata di mano, tuttavia, un mese dopo è emerso come la gestione dell’autodromo avrebbe voluto introdurre modifiche non richieste ed Ecclestone tuonò: “Tipiche questioni all’italiana”. Doveva chiudersi il 29 febbraio la vicenda, con il raggiungimento di un accordo che, nei fatti, non c’è e, dalle ultime, non ci sarà. Almeno per Monza.

    Dovesse corrersi a Imola, si tornerebbe al Gran Premio d’Italia al Santerno dopo 37 anni, essendosi corsa già un’edizione nel 1980.

    5:23 – +++ Arrivano come un fulmine a ciel sereno le dichiarazioni del presidente Aci Angelo Sticchi Damiani a Il Fatto Quotidiano: il gran premio d’Italia a Monza salta+++ , non ci sono più margini di trattatativa con Ecclestone. E’ una bomba, che arriva dopo gli annunci del presidente dell’Aci su un accordo a portata di mano con Ecclestone. A far precipitare la situazione è arrivata, poi, l’idea di modificare la pista nella zona della Curva Grande, funzionale a ospitare MotoGP e Superbike: niente prima variante e curvone interrotto da una variante. Ecclestone non aveva mai richiesto tali modifiche alla Sias e l’inaffidabilità di chi gestisce l’autodromo ha mandato a monte l’accordo. Adesso, sempre secondo quanto scrive l’edizione online del giornale si lavora per trovare un accordo e correre al Mugello o a Imola dal 2017. Vedremo quali saranno le evoluzioni nei prossimi giorni

    5:20 – Parliamo di un’altra novità che si ritroverà quest’anno in griglia di partenza: il via con l’utilizzo di una sola leva della frizione. Fino allo scorso anno i piloti utilizzavano una leva per trovare il punto di stacco e una seconda poi da rilasciare per la partenza vera e propria, assicurandosi un via ideale. Tra pochi minuti i piloti non avranno la “garanzia” del punto di stacco trovato prima di muoversi e questo potrebbe portare a qualche errore e partenza al rallentatore.

    5:10 – «Abbiamo dato un parere assolutamente negativo, abbiamo provato, è stato un disastro e dobbiamo scusarci con gli spettatori, ora tutto passa alla F1 Commission», spiega Arrivabene sulle modifiche al formato di qualifiche. Basterà una votazione via fax di tutti i team per ratificare l’accordo raggiunto al sabato sull’abolizione del sistema a taglio continuo e il ritorno per il Bahrain (week end del 3 aprile).

    5:00 - Tra un’ora prenderà il via il Gran Premio d’Australia 2016. Grande incognita su quelle che saranno le strategie. Mancano i riferimenti del long run al venerdì, pensiamo si potrebbe assistere a una strategia a due o tre soste, per chi imposterà la corsa su gomme morbide e supermorbide. Ricordiamo la possibilità anche di utilizzare le gomme medie, che potrebbe funzionare per i piloti che punteranno a fare una sola fermata, anche se in questo caso va detto che non si sono provate le coperture a causa della pioggia e il comportamento è tutta un’incognita. Differenti soluzioni disponibili. Sul divario prestazionale tra le diverse mescole, c’è 1″5 tra medie e morbide a vantaggio di quest’ultime e 7 decimi tra morbide e supermorbide

    1. Hamilton

    2. Rosberg

    3. Vettel

    4. Raikkonen

    5. Verstappen

    6. Massa

    7. Sainz

    8. Ricciardo

    9. Perez

    10. Hulkenberg

    11. Alonso

    12. Button

    13. Palmer

    14. Magnussen

    15. Ericsson

    16. Bottas (arretrato di 5 posizioni per sostituzione cambio)

    17. Nasr

    18. Kvyat

    19. Grosjean

    20. Gutierrez

    21. Wehrlein

    22. Haryanto (arretrato di 3 posizioni per incidente con Grosjean nelle FP3)

    4:50 – «Voglio lottare per vincere, dobbiamo essere attenti alle Ferrari ma sono fiducioso, abbiamo una macchina grandiosa», commenta Rosberg, che partirà secondo e dal lato sporco della pista. Su Melbourne splende il sole e avremo le temperature più alte del week end.

    4:40 - La prima notizia che dobbiamo darvi da Melbourne riguarda il formato delle qualifiche. L’oscenità vista ieri sarà abbandonata con effetto immediato e dal Bahrain si tornerà al classico sistema a eliminazione impiegato lo scorso anno

    4:30 - Buongiorno! E’ appena l’alba ma si entra già in clima Gran Premio d’Australia, che scatterà alle 6:00. Si annuncia una gara più che mai interessante e viva. Per la vittoria c’è la lotta – tutt’altro che scontata – tra Mercedes e Ferrari, poi ci sarà la gara degli altri, i terribili Toro Rosso ai piani alti e gente come Bottas e Kvyat che deve e può risalire dalle delusioni di sabato.