F1 GP Silverstone 2012: è Webber il nuovo anti-Alonso!

Formula 1: Mark Webber vince a Silverstone e si prende il ruolo di primo rivale di Fernando Alonso per la lotta al titolo 2012

da , il

    Fernando Alonso, Mark Webber

    A Silverstone c’è un colpo di scena nel finale: Mark Webber svernicia Fernando Alonso e conquista una entusiasmante vittoria nel Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1 2012. Al termine delle ostilità, il pilota Red Bull ostenta fiducia nel lavoro del proprio team e nella competitività della sua macchina ma, al tempo stesso, ammette di aver creduto nella vittoria solo dopo aver sorpassato l’ostico rivale della Ferrari. L’australiano deve rendersi conto che, se si guardano i risultati inanellati da inizio stagione, il potenziale della sua monoposto e la posizione in classifica, è lui il più credibile rivale di Alonso. Persino Vettel, da oggi, fa meno paura.

    Mark Webber:”Non sapevo cosa sarebbe successo”

    “Devo dire che è stata una gara molto interessante – ha dichiarato Mark Webberin partenza Fernando aveva un ottimo passo ed è partito veloce. Avevamo pneumatici diversi ed io ho provato a tenere il suo passo. Non sapevo cosa sarebbe successo fino alla fine ma siamo riusciti a vincere. E’ un risultato incredibile proprio a due passi dalla nostra fabbrica e davanti a tanti tifosi che nei giorni scorsi hanno sfidato il maltempo”.

    Red Bull, Vettel:”Sono contento per Mark”

    E’ un Sebastian Vettel stranamente sereno quello che commenta il terzo posto nel GP di Silverstone 2012:“All’inizio ho lottato con Felipe ma non sono riuscito a superarlo. Allora, ho atteso il primo pit stop per stargli davanti. Sono contento per Mark e per la vittoria del nostro team. Abbiamo avuto due giorni bruttissimi per il meteo ma oggi è venuto fuori il sole che ci ha consentito di regalare un bello spettacolo al pubblico qui presente”. Evidentemente, il campione del mondo in carica è ancora molto convinto del proprio potenziale e di quello della sua Red Bull. Fossimo in lui, però, staremmo molto attenti a questo Webber. Adrian Newey spiega come è stato possibile per l’australiano salire sul gradino più alto del podio:“Abbiamo scelto la strategia sulla base di quello che ha fatto Fernando. Le nostre scelte hanno pagato. Nell’ultimo stint potevamo decidere se montare gomme morbide o dure e la mossa di andare sulle dure ha pagato”.

    McLaren: giornata nera!

    Lewis Hamilton:“Non è questa la McLaren che volevo guidare. E’ stata una giornata dura. Le gare sono così. Noi volevamo fare molto meglio ma gli altri sono andati più forti di noi. Forse sono stati più bravi di noi o forse noi avevamo un assetto più da bagnato. Adesso dobbiamo lavorare per trovare un carico maggiore anche se non so dove sia…”. Jenson Button:“Stavo lottando con Sauber e Williams e mi sono trovato sorpreso. Forse abbiamo sbagliato la strategia. E’ stata una giornata deludente. C’è molto da lavorare!”.

    Lotus: i soliti rimpianti

    Kimi Raikkonen:“La macchina è andata bene per tutta la gara però all’inizio sono rimasto nel traffico. Non era facile superare ed ho perso tempo e delle posizioni. Senza quel problema avrei chiuso più avanti. Dovremmo migliorare in qualifica ma non credo sarà facile. Il nostro punto di forza è il passo gara”. Romain Grosjean:“Il sesto posto è buono ma non ottimo. Il passo è stato incredbilie e la strategia buona considerando che mi sono dovuto fermare dopo tre giri. Ho imparato molto lottando con Lewis, Nico e Jenson. E’ stato bello”.