F1, Hamilton: pressioni per rinunciare al numero 44

Hamilton ammette di aver ricevuto pressioni per correre con il numero 1 di campione del mondo di F1 in carica anziché il suo 44

da , il

    F1, Hamilton: pressioni per rinunciare al numero 44

    Lewis Hamilton non ha intenzione di rinunciare al suo numero 44 neppure nella stagione 2018 di Formula 1 che lo vedrà ai nastri di partenza con i gradi del campione del mondo in carica. Aveva fatto la stessa scelta nel 2015 e nel 2016, vale a dire quando era già entrata in vigore la norma che consente ai piloti di scegliersi il proprio numero di gara. L’unico anno in cui ha corso con il numero 1 di campione del mondo di Formula 1 in carica è stato il 2009 a seguito della conquista del primo alloro iridato.

    A differenza di quanto accaduto in passato, però, stavolta la scelta sarà più sofferta dato che Lewis Hamilton sta ricevendo pressioni per sfoggiare nuovamente il prestigioso numero 1 sul musetto che, ultimamente, sembra non avere più il fascino di un tempo per molti campioni del mondo delle due e quattro ruote.

    Hamilton:”Voglio correre con il numero 44″

    “Sto ricevendo pressioni dai miei tecnici e da altre persone che vorrebbero vedermi correre con il numero 1 il prossimo anno ma non voglio rinunciare al numero 44 - ha rivelato Lewis Hamilton – Ogni pilota ha il suo numero ed il mio è il 44, non voglio correre con altri numeri. Eventualmente, potrei pensare ad una soluzione grafica che possa far comparire l’uno tra i due 4 che formano il 44. Staremo a vedere. In passati alcuni piloti hanno accettato di correre con il numero 1 ma il mio numero è il 44″, ha ribadito il 4 volte iridato.

    Hamilton: “Niente Ferrari nel mio futuro”

    Quando Hamilton si mette a parlare del suo futuro, finisce sempre con il masticare la parola Ferrari. A dire il vero, anche nel caso dell’intervista rilasciata allo Stuttgarter Zeitung, lo fa per scongiurare un passaggio in Rosso, almeno nel breve periodo:“Sono in rapporti con Mercedes da ormai 13 anni e credo che nessuno dei piloti in griglia abbia un legame così lungo. Sono orgoglioso di lavorare qui e vorrei chiudere qui la mia carriera”.

    A proposito di carriera, Hamilton ripercorre alcune delle tappe più significative indicando in Fernando Alonso il rivale più difficile con cui si è dovuto confrontare:“E’ stato un osso duro. Ho il massimo rispetto per lui, perché per batterlo devi davvero giocarti tutte le carte ed otterrai un piccolo spazio. Non penso che accadrà di nuovo di ritrovarci nello stesso team”, ha concluso il pilota della Mercedes.