F1, Horner: non sapevo nulla dell’incidente di Webber

da , il

    webber horner2011

    Chris Horner ha espresso il suo disappunto nell’apprendere dai media la rottura della spalla di Mark Webber. Dopo la rivelazione da parte del pilota australiano, il team principal della Red Bull ha fatto sapere di non essere mai venuto a conoscenza, fino ad ora, dell’incidente ciclistico che ha coinvolto Webber a fine stagione, dichiarandosi altresì deluso per essere rimasto all’oscuro dei fatti. La mancata vincita del mondiale da parte del pilota del beverone sembrerebbe ora trovare un’ulteriore giustificazione, anche se sembra strano che all’interno della Red Bull la notizia non sia trapelata… Che Mark abbia avuto paura di essere messo ancora più in disparte all’interno della sua squadra, notoriamente impegnata a supportare maggiormente il giovane Vettel?

    F1 2010. Mark Webber si è rotto una spalla a quattro gare dalla conclusione del mondiale 2010 di Formula1 e Chris Horner, team principal della Red Bull, non ne sapeva nulla. La notizia dell’incidente accaduto all’australiano alla vigilia del gran premio del Giappone è trapelata solamente in questi giorni, nel momento in cui il diretto interessato ha deciso di farlo sapere al mondo intero attraverso le pagine del suo libro di prossima uscita. Verità, semplice manovra pubblicitaria per vendere più copie o una scusa per giustificare il proprio calo di prestazioni e la perdita del titolo iridato? Personalmente trovo difficile pensare a una bufala, come del resto non sono così sicura che Webber, senza l’handicap della spalla, avrebbe vinto sicuramente il titolo; altrettanto strano però è il fatto che Chris Horner fosse all’oscuro di tutto e sia venuto a conoscenza dei fatti solo adesso. È vero che all’interno del team le attenzioni spesso e volentieri sono sempre state rivolte al giovane Sebastian Vettel, ma da qui a non sapere che il proprio pilota corre con una spalla rotta…

    CHRIS HORNER. Eppure sembra proprio che Webber abbia tenuto nascoste al team le proprie condizioni fisiche, e non solo fino alla fine del mondiale, ma anche oltre. “Non sapevo nemmeno del libro, figuriamoci della spalla…”, ha dichiarato Horner al Daily Telegraph. “Ovviamente sono rammaricato del fatto che Mark non abbia detto nulla. È stato un infortunio che sembra non aver avuto effetti sulla sua performance, ma comunque sarebbe stato meglio esserne a conoscenza”. E per concludere, il boss della Red Bull ha suggerito a Webber di tenersi lontano dalla mountain bike, almeno fino a quando il pilota sarà impegnato con la Formula1. “I nostri piloti hanno l’obbligo di essere in forma. Visto che sembra che Mark e la bici non vadano d’accordo sarebbe meglio se ci stesse alla larga”.