F1, Hulkenberg: ci sarò anche nel 2011

da , il

    hulkenberg nico

    Nico Hulkenberg è ad oggi uno tra i protagonisti della stagione 2010 che ancora non ha trovato un sedile per il prossimo anno. Il pilota tedesco è stato appiedato dalla Williams, dopo due anni come collaudatore e uno da pilota ufficiale, per fare spazio all’esordiente venezuelano Pastor Maldonado. Eppure il ventitreenne di Emmerich am Rhein è sicuro che prima o poi troverà un nuovo team con cui correre nel mondiale 2011. Le squadre che al momento non hanno ancora ufficializzato le proprie formazioni sono cinque… Chissà se e in quale di queste ci sarà una monoposto per il giovane rookie.

    F1 2011. Siamo quasi alla fine dell’anno e, passato il Natale, i team di Formula1 cominceranno a prepararsi in vista della prossima stagione. E se gran parte dei team hanno ufficializzato in queste ultime settimane i nomi dei futuri piloti, c’è ancora qualcuno che vaga per il Circus in cerca di un sedile per il 2011. È il caso di Nico Hulkenberg: il giovane rookie si è distinto quest’anno alla Williams, anche grazie alla pole position conquistata nel gran premio del Brasile, ma i suoi risultati non sono bastati per garantirgli un sedile nella prossima stagione. Il team britannico gli ha infatti preferito il vincitore della GP2 Pastor Maldonado. Il nome del pilota tedesco è stato quindi affiancato a quello della Force India e della Mercedes GP. Ma anche se i posti liberi cominciano a scarseggiare, il giovane rookie non sembra troppo preoccupato di rimanere senza un box la prossima stagione e dichiara di non aver alcun rancore nei confronti del suo vecchio team.

    NICO HULKENBERG. “A questo punto vorrei ringraziare la Williams per i tre anni trascorsi”, ha fatto sapere l’ex pilota del team di Grove dalle pagine del suo sito internet. “Anche se sono davvero molto dispiaciuto per la fine della nostra collaborazione, sono contento di aver fatto parte della squadra. Sono convinto che rimarrò in Formula1 anche nel 2011. Al momento non ho ancora un nuovo contratto, ma la situazione si evolverà al più presto”. E guardandosi indietro Hulkenberg ha ammesso come la sua mancanza di esperienza sia stata un ostacolo a inizio stagione, ma ha anche riconosciuto come le cose siano migliorate da metà campionato in avanti.

    RUBENS BARRICHELLO. “Ho capito ben presto grazie a Rubens Barrichello quanto importante sia avere esperienza in questo sport. Rubens è stato il compagno di squadra più forte che abbia mai avuto e sono molto felice di aver passato un anno accanto a lui. Mi ha aiutato a crescere. Siamo entrambi due piloti molto ambiziosi e ovviamente ognuno di noi voleva battere l’altro. Penso che comunque abbiamo lavorato molto bene insieme e portato avanti la squadra. L’ultima domenica ad Abu Dhabi ci siamo scambiati i caschi e una dedica personale: spero che Rubens rimanga ancora a lungo in Formula1 e gli auguro il meglio”.