F1 in Giappone: domina la Red Bull e resiste Alonso

da , il

    vettel japan

    Tornano a dominare le Red Bull in questo finale di stagione, con Sebastian Vettel e Mark Webber autori di una splendida doppietta sul circuito di Suzuka. Nel weekend del gran premio del Giappone il giovane tedesco del team del beverone si è imposto davanti ai rivali in tutte e tre le sessioni di libere conquistando poi pole position e vittoria. Mantiene il comando in classifica generale Mark Webber, con 14 punti di vantaggio sul compagno di squadra e lo spagnolo della Ferrari, che con il suo terzo posto a Suzuka ha centrato l’obiettivo prefissatosi in vista delle ultime gare della stagione.

    CHRIS HORNER. Una gara un po’ noiosa secondo alcuni, ma non per la Red Bull e Chris Horner, team principal del team austriaco. “Le doppiette non sono mai noiose!”, ha dichiarato entusiasta. “È stata una gara un po’ tesa, specialmente quando Button è rimasto fuori a lungo con le gomme dure, ma i nostri piloti sono stati perfetti, così come le vetture. Anche se le McLaren hanno perso terreno manca ancora molto alla fine del mondiale e penso che il finale di stagione sarà molto interessante”.

    SEBASTIAN VETTEL. Un weekend impeccabile per il biondino della Red Bull che da quinto in classifica generale fino a due gare fa, ora si ritrova in seconda posizione alle spalle di Webber. “È stata una giornata incredibile, con un weekend cominciato bene e proseguito nella giusta direzione: tutta la squadra ha lavorato duramente e questo successo è merito loro. Ho fatto una buona partenza, dal lato pulito del circuito e nel corso della gara la pista e la macchina sono andate a nozze. C’è stato un momento in cui ho avuto Button davanti e non sono riuscito a superarlo. Finalmente però è rientrato ai box ed è stato facile per me prendere il passo e controllare gli altri fino alla fine. La macchina è stata semplicemente fantastica!”.

    MARK WEBBER. Un’ottima giornata anche per l’altro pilota della Red Bull, che con il suo secondo posto mantiene la leadership in classifica generale. “Devo dire che sono stato anche fortunato perché Kubica ha perso la gomma ed è uscito di scena”, ha ammesso Webber. “Sono comunque molto soddisfatto perché dopo la safety car io e Sebastian abbiamo condotto tutta la gara in formazione e, nonostante la “minaccia” della strategia di Button, sono riuscito a mantenere sempre la mia posizione”.

    FERNANDO ALONSO. Il ferrarista puntava al podio per far quadrare i conti in ottica mondiale e podio è stato. Terzo posto per l’ex campione del mondo che ora si torva in seconda posizione a pari punti con Sebastian Vettel e, con il progressivo indietreggiare della McLaren, sembrerebbe l’unico pilota rimasto in gioco per insidiare il dominio degli austriaci. “Una gara dura”, ha confessato Alonso, “perché la mia partenza non è stata buona, a differenza di quella di Kubica, di cui come Mark ho beneficiato dell’uscita. Sarebbe stato un rivale difficile… Inoltre non ho avuto pressioni da dietro durante la gara e questo mi ha permesso di conquistare un ottimo terzo posto su una pista che per noi risultava essere la peggiore tra quelle rimaste in calendario”.