F1 in Ungheria: Alonso non dimentica la McLaren

Seconda fila tutta rossa sulla griglia di partenza del gran premio di Ungheria

da , il

    alonso_hungaroring

    Seconda fila tutta Ferrari sulla griglia di partenza del gran premio di Ungheria. A conferma della forma ritrovata a partire dall’ultimo appuntamento in Germania, Fernando Alonso e Felipe Massa partiranno domenica rispettivamente in terza e quarta posizione, alle spalle delle due Red Bull. Vista la superiorità mostrata dai colleghi di Milton Keynes e la particolarità del tracciato ungherese, non a caso ribattezzata la Montecarlo dell’est, a Maranello confidano in una buona partenza, così da mettere la firma sulla vittoria come già fatto a Hockenheim… ovviamente, Red Bull permettendo.

    FERNANDO ALONSO. Come Lewis Hamilton con la McLaren, così Fernando Alonso con la sua Ferrari: anche il pilota spagnolo ha dichiarato che di più proprio non si poteva fare, e si è detto a sua volta impressionato dalla velocità della RB6 dei rivali austriaci. “Non dobbiamo dimenticarci che i leader in classifica sono alle nostre spalle”, ha inoltre ricordato il pilota asturiano. “Il nostro obiettivo è guadagnare terreno su di loro in termini di punti. La partenza risulterà cruciale e prendere il via dal lato pulito della pista sarà un vantaggio, anche se in verità quest’anno abbiamo assistito all’effetto contrario: a questo punto sarà vitale fare il possibile alla prima curva e quindi decidere per una gara d’attacco o, in alternativa, a come gestire la situazione”.

    FELIPE MASSA. E anche il brasiliano della Ferrari non ha potuto che “inchinarsi” di fronte alla performance delle due Red Bull di Sebastian Vettel e Mark Webber. “Quando il tuo gap in qualifica è oltre il secondo c’è sempre qualcosa a cui pensare: il modo in cui hanno fatto lavorare le gomme al primo giro è stato semplicemente incredibile, e la loro aerodinamica li aiuta molto in diverse curve, specialmente nei cambi di direzione. In gara la situazione potrà essere differente, ma non possiamo avere la certezza di essere più veloci. Nel complesso però possiamo dirci molto soddisfatti del nostro risultato”. Massa ha quindi ricordato le prove ufficiali dello scorso anno, in cui la sua corsa fu arrestata da un brutale incidente: “Mentre ero al volante non ci ho pensato per niente, ma ora che la giornata è terminata sono felice di essere riuscito ad arrivare in fondo alle qualifiche!”.