F1, Kubica fa progressi: pronto per camminare

Formula 1: migliorano ancora le condizioni di Robert Kubica dopo l'incidente

da , il

    robert kubica incidente progressi

    Robert Kubica fa ulteriori progressi. E’ passato ormai un mese e mezzo dall’incidente ma i medici restano ancora molto cauti nel prevedere un completo recupero. Le buone notizie, però, continuano ad arrivare dall’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure. A parlare stavolta è il team principal Lotus Renault che racconta di aver visto un Kubica molto carico, determinato a tornare in forma in tempi record e che sta continuando a bruciare le tappe.

    ROBERT KUBICA. Avevamo già parlato di un Robert Kubica capace di stupire i medici che lo hanno in cura. I miglioramenti proseguono ed i dottori sono in grado di affermare che tra tre settimane il pilota polacco sarà in grado di stare in piedi con le sue stesse gambe. Anche il gomito, un degli arti più seriamente danneggiati dall’incidente, sta reagendo bene. Lo stesso dicasi per mano e spalla. “E’ prevista ancora una fase di attesa nel percorso di guarigione delle multiple fratture riportate. Si può programmare la possibilità di ripresa della deambulazione con carico su entrambi gli arti inferiori tra circa 3 settimane”, si legge nel bollettino medico di Kubica.

    LOTUS RENAULT. “Gli ultimi aggiornamenti sono molto positivi”, ha confermato Boullier. “E’ in anticipo su tutte le previsioni, sia per quanto riguarda la fisioterapia che il recupero generale. Si sta dimostrando un vero esempio e per questo i medici lo stanno sostenendo. Lui è molto motivato e, nonostante non sia una situazione sicuramente rosea, sta mantenendo intatto il suo grande spirito”. Intanto dalla pista arrivano buone indicazioni anche dal sostituto di Kubica, Nick Heidfeld:“Sin dal primo test ho provato a spingere nella giusta direzione - ha dichiarato il pilota tedesco facendo i complimenti al team per come lo hanno accolto e come hanno seguito le sue indicazioni – credo che la macchina sia veloce ma dobbiamo ancora migliorare, soprattutto sull’affidabiltà”.