F1, la FIA pensa a cambiare i circuiti

Formula 1: la FIA rende noto che apporterà modifiche ai circuiti per migliorare sorpassi e spettacolo

da , il

    gran premi formula 1 spettacolo circuiti

    Bernie Ecclestone propone pioggia artificiale per rendere i Gran Premi di Formula 1 più emozionanti e dagli Stati Uniti si dicono favorevoli alla proposta. In Europa, più concretamente, la Federazione Internazionale dell’Automobile si dà come obiettivo quello di modificare i circuiti esistenti e progettare i nuovi affinché favoriscano le manovre di sorpasso. Ciò, abbinato a macchine dotate di Kers e ali mobili, dovrebbe bastare per dare al pubblico uno spettacolo degno della massima categoria motoristica mondiale.

    CIRCUITI F1. Uno dei problemi della mancanza di spettacolo in Formula 1 è legato alla conformazione dei circuiti. Molto vero. Non si capisce come mai, però, tra i Gran Premi più noiosi ci siano quelli di Abu Dhabi, Singapore, Valencia, Turchia, Bahrain che sono gli ultimi arrivati. Non si capisce come mai, al contempo, tra i più divertenti ci siano Monza, Silverstone e Spa-Francorchamps che, invece, sono tracciati storici. E’ evidente, quindi, che l’errore sta nel modo in cui alcuni dei nuovi impianti sono stati disegnati. Non tutti, però sono da buttare. A Shanghai, Yeongham, Sepang ci siamo divertiti spesso e volentieri. Dimostrazione lampante che, progettando bene layout delle piste, le emozioni arrivano. “Il gruppo di progettazione dei circuiti sta valutando le piste del mondiale di F1 per individuare possibili modifiche da attuare per migliorare i sorpassi”, sta scritto nella relazione conclusiva dell’ultima riunione del Consiglio Mondiale della FIA. Questa è una buona notizia.

    GP USA F1. Alla strampalata uscita di Bernie Ecclestone sulla pioggia artificiale da portare in F1 per rendere le gare più interessanti, chi poteva abboccare se non gli americani? Tavo Hellmund, organizzatore del GP degli USA di Austin, ha definito la proposta “brillante”. La F1 tornerà negli States, salvo imprevisti, dal 2012. Per quella data vedremo il primo esperimento di corsa con irrigatori? Speriamo di no. Va bene lo spettacolo, ma qui si sconfina nel ridicolo. Questa sarebbe una cattiva notizia.