F1, Lauda: Vettel deve aiutare Webber

da , il

    vettelwebber

    Sebastian Vettel deve accettare di aiutare il compagno di squadra Mark Webber nella corsa al titolo 2010. Questa l’opinione di Niki Lauda, ex pilota di Formula1 e tre volte iridato. Secondo il campione austriaco, il giovane biondino della Red Bull che attualmente si trova al quarto posto in classifica generale alle spalle di Lewis Hamilton, dovrebbe per ora accantonare il suo sogno di vittoria e sacrificarsi per fare da scudiero all’australiano del team del bibitone, secondo Lauda maggiormente favorito nella corsa al titolo.

    RED BULL RACING. Sebastian Vettel deve sacrificarsi. Lo suggerisce Niki Lauda, una leggenda del Circus e tre volte iridato nel corso della sua lunga militanza nel mondo della Formula1. Vista l’attuale situazione della Red Bull, che dopo la disfatta nel gran premio di Corea si ritrova con entrambi i piloti scivolati in classifica a vantaggio dell’ascesa di Fernando Alonso e della Ferrari, Lauda ritiene che il biondino di Heppenhaim dovrebbe sacrificarsi a favore del più maturo compagno di squadra Mark Webber. Da sempre il team austriaco non ha mai fatto mistero della propria ferrea convinzione di non voler ricorrere ai giochi di squadra ma, vista l’attuale posta in gioco e il rischio elevato, sembrerebbe che ora anche la Red Bull si veda costretta a designare un favorito per la corsa al titolo iridato.

    WEBBER O VETTEL? Nel corso della stagione era sembrato Webber il prescelto, grazie a una serie di successi infilati uno in fila all’altro e soprattutto alla mancanza di errori. Già, perché per contro Vettel ne ha combinate parecchie in questo 2010; ma il giovane tedesco ha anche avuto la sua buona dose di sfortuna e, quando invece le cose sono girate bene, ha ricordato a tutti il suo talento innato. A due gare dalla fine però, la matematica sembrerebbe destinata a dover prevalere sulla volontà del team principal Chris Horner di lasciar lottare liberamente i propri piloti. Chi sacrificare dunque? Il veterano e in vantaggio Webber o il promettente Vettel? Difficile chiedere a un pilota di rinunciare a lottare, ma vedremo se Vettel deciderà di abbassare la testa in nome del gioco di squadra oppure no. Horner nel frattempo continua a supportare la sua decisione di trattare entrambi i piloti equamente: praticamente come regalare il mondiale ad Alonso secondo Lauda.

    NIKI LAUDA. “La Red Bull deve imporre una gerarchia arrivati a questo punto”, ha dichiarato l’ex pilota di Formula1. “Se il team non si mette al servizio di Webber, potrebbe dover dire addio al titolo”. E dello stesso avviso è anche un altro ex pilota, già votato a numero 2 durante il suo anno al fianco di Michael Schumacher alla Benetton, laureatosi per la prima volta campione del mondo nel 1994. “Matematicamente anche lui ha una possibilità di vincere il titolo, ma come team dovrebbero favorire Webber, che ha maggiori probabilità”, ha suggerito Jos Verstappen. “È certamente una posizione scomoda per la Red Bull e altrettanto sfortunata per Vettel, ma con la rottura del motore in Corea il suo mondiale è andato letteralmente in fumo”.

    CHRIS HORNER. Difficile però per il momento sperare che Horner cambi idea, anche se il manager della Red Bull ammette che un eventuale vittoria di Alonso sarebbe “frustrante”, dal momento che 7 degli 11 punti di vantaggio del ferrarista sono frutto degli ordini di scuderia dati in Germania… “E si suppone che questi dovrebbero essere illegali…”, ha concluso Horner.