F1, Lewis Hamilton fa un bagno d’umiltà

Formula 1: bagno d'umiltà per Lewis Hamilton

da , il

    lewis hamilton pilota f1 2011

    A chi può non piacere Lewis Hamilton come pilota di F1? A nessuno, francamente. Come uomo, visto il suo atteggiamento talvolta sopra le righe, talvolta irrispettoso nei confronti dei colleghi, talvolta provocatorio, possono legittimamente sorgere dei dubbi. Più d’una volta è stato pizzicato a criticare più o meno velatamente altri piloti lasciando intendere che, a suo giudizio, non erano minimamente alla sua altezza quanto a talento e doti di guida. Sono errori che si fanno. Quando si è forti. E si sa di esserlo. I veri grandi, però, ragionano diversamente. Stavolta Hamilton sembra averlo capito.

    LEWIS HAMILTON. Stavolta Hamilton sembra aver capito che non va a suo favore un atteggiamento troppo aggressivo al di fuori della pista. Il pilota McLaren ha recentemente rilasciato alcune dichiarazioni “riparatorie” dopo i fatti di Singapore e l’attrito con Felipe Massa. Proprio nei confronti del pilota Ferrari, più volte in passato “ridicolizzato” dal pilota inglese (si veda le dichiarazioni post GP di Monaco), arriva qualche zuccherino:“Era arrabbiato con me ma io l’ho ignorato. Questo è uno sport molto competitivo ed è normale che accadano cose del genere. Io comunque ho ancora molto rispetto per Felipe”. Il bagno d’umiltà prosegue con il prendere atto di non essere stato il migliore. Neanche nel confronto con il compagno Jenson Button:“Ha fatto un gran lavoro. Anche se farò meglio di lui nelle ultime cinque gare, avrà lavorato meglio di me in questa stagione”.