F1, Luca Badoer: ultime parole da pilota Ferrari

Formula 1: in occasione dell'esibizione Ferrari al Motor Show Luca Badoer riceve finalmente il tributo dei tifosi della Rossa per i tanti anni di lavoro nella scuderia di Maranello

da , il

    luca badoer ferrari motor show 2010

    L’ultimo tassello del mistero attorno a Luca Badoer ed alla sua uscita dalla Scuderia Ferrari di Formula 1 è stato messo a posto. La casa di Maranello ha diramato un comunicato ufficiale nel quale racconta l’ultimo giorno di lavoro dello storico collaudatore. Per il pilota trevigiano che resterà all’interno dell’azienda ma si occuperà dello sviluppo di vetture di serie, è stato scelto il Motor Show di Bologna come palcoscenico per l’ultima apparizione e conseguentemente l’ultimo tributo davanti ai tifosi Ferrari.

    LUCA BADOER. Mercoledì scorso Luca Badoer è salito per l’ultima volta al volante di una monoposto di Formula 1. Lo ha fatto in occasione della consueta esibizione della Scuderia Ferrari al Motor Show di Bologna. In quel contesto, il pilota trevigiano ha preso un ultimo e meritato applauso dai tifosi del Cavallino i quali gli hanno reso quel tributo inizialmente mancato dal quale erano partiti strani dubbi sull’operato della casa di Maranello. “Quello che mi mancherà di più sarà guidare la Formula 1. Non ho mai cercato la luce dei riflettori, ma solo e sempre voluto rivolgere il mio impegno a come portare al limite una macchina, capirne i margini di miglioramento. Anche se questa è una cosa che mi manca già da tempo, da quando i test si sono ridotti e c’è poco spazio per l’attività di collaudatore”, ha dichiarato durante un incontro con i lettori della Gazzetta dello Sport.

    FERRARI F1. Badoer ha risposto anche a domande sui suoi più illustri colleghi che portano il nome Ferrari in giro per il mondo durante il mondiale di Formula 1 avendo parole di profonda stima per Alonso e Massa:“Alonso è un grande campione, un pilota che potrà vincere tantissimo, soprattutto per la sua grande capacità di lavorare con la squadra - ha detto – Massa ha avuto una stagione difficile, ma con meno problemi tornerà ad essere un grandissimo pilota. Lo conosco e ne sono certo”. In conclusione. sebbene sia stata in primis una sua scelta quella di uscire dalla gestione sportiva per dedicarsi allo sviluppo di macchine di serie, il tester che per 13 anni ha collaudato le monoposto del Cavallino ammette che sentirà una certa nostalgia. A mancargli sarà tutta la squadra:“Non c’è un nome, ce ne sono tanti, troppe persone che mi hanno accompagnato in questa lunga avventura. E’ la forza della Ferrari, quella fatta dalle persone che senti vicine, sempre”.