F1, McLaren con Honda al posto di Mercedes dal 2014?

Formula 1: voci dal Giappone danno per possibile il ritorno della Honda come fornitore di motori della McLaren per ricreare il binomio d'oro di fine anni '80

da , il

    mclaren honda f1 2014

    La Honda tornerà in Formula 1. Archiviata nel 2008 con disonore la parentesi da costruttore di motore e telaio, il colosso dell’auto giapponese sarebbe interessato a riproporsi nella massima categoria motoristica nel ruolo di fornitore di propulsori. In questa veste ha scritto tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90 una delle pagine più vincenti di sempre. L’accoppiata delle meraviglie era quella con la McLaren che anche stavolta potrebbe ritrovarsi nel cammino dei nipponici.

    MCLAREN F1. La McLaren-Honda non ha avuto avversari dal 1998 al 1991. Come la Ferrari dei primi anni del nuovo secolo. Come la Red Bull di oggi. L’addio del motorista giapponese portò ad una drammatica crisi tecnica in quel di Woking. Crisi cessata solo nel 1995. Da quando, cioè, è arrivata la Mercedes in sostituzione delle fallimentari esperienze con Peugeot e Ford. La casa di Stoccarda fornirà i propulsori alla McLaren fino al 2013. Dopodiché alcuni accordi andranno ridiscussi. E’ opinione diffusa nel Circus che Ron Dennis voglia cambiare partner. Quale occasione migliore, allora, per rinverdire antichi fasti?

    HONDA F1. L’anno 2014 non è uno come tanti per la Formula 1. In quella stagione debutteranno i motori di nuova generazione. I tanto attesi V6 turbo di 1,6 litri di cilindrata. La Honda, smaniosa di rientrare nel Circus vorrebbe prendere la palla al balzo. L’investimento non è piccolo ma sicuramente non equiparabile alla spesa fatta fino al 2008 per gestire un intero team. Avere come partner la McLaren sarebbe una garanzia unica di successo e visibilità. Le scelte strategiche, però, vanno fatte in fretta perché il lavoro sule nuove unità deve iniziare quanto prima. Secondo i tedeschi di Auto Motor und Sport è tutto pronto. Manca solo il via libera da parte dei vertici dell’azienda.

    Foto: wikipedia