F1: McLaren esulta per la norma anti-Red Bull

Formula 1: la McLaren esulta per la regola che vieta l'uso degli scarichi che soffiano sui diffusori anche in fase di rilascio del gas

da , il

    mclaren button gp canada f1 2011

    C’è un grande entusiasmo in casa McLaren. E stavolta non stiamo parlando di festeggiamenti tardivi per la vittoria di Jenson Button nell’ultimo Gran Premio del Canada bensì della decisione presa dalla Federazione Internazionale dell’Automobile di vietare i gas di scarico che soffiano sui diffusori anche in fase di rilascio dell’acceleratore. A ben vedere, la scuderia di Woking è tornata competitiva da quando ha copiato la soluzione Red Bull. Tuttavia il team principal Martin Whitmarsh ritiene che questo divieto porterà Vettel e Webber ad andare più lenti della concorrenza di quasi mezzo secondo.

    MCLAREN F1. “E’ possibile che si riduca il distacco in qualifica di mezzo secondo”, ha affermato Martin Whitmarsh ai tedeschi di Auto Motor und Sport. Jenson Button ha aggiunto:“Soffiano i gas in qualifica ma non in gara”, ricordando quanto siano diverse e meno stellari le prestazioni delle Red Bull di Vettel e Webber alla domenica rispetto al sabato. Altri team, soprattutto quelli minori, si sono schierati apertamente contro questa soluzione sin dall’inverno. Soprattutto coloro i quali non hanno avuto le risorse economiche per progettare qualcosa di analogo. La critica da fare alla FIA riguarda l’aver cambiato le carte in tavola tropo tardi. Se l’accorgimento non era legale, non doveva essere ammesso in fase di presentazione dei progetti. Diversamente, doveva stare al suo posto fino al termine della stagione.

    JENSON BUTTON. Il fresco vincitore del GP del Canada ammette di sentirsi bene in McLaren e spera di finire la carriera a Woking. A differenza di molti suoi colleghi, però, Jenson Button non se la sente di prendersi impegni a lungo termine:“Non ha senso per me. Non so che sensazioni avrà tra qualche anno. Non voglio correre fino a 40 anni. Voglio farlo finché riesco a vincere. A me piace tenere il mio futuro aperto”. Ricordiamo che il contratto di Button scade al termine del 2011 ma c’è un’opzione per il 2012 che sarà sicuramente fatta valere dalla McLaren con reciproca soddisfazione.