F1, McLaren fa passi indietro: Hamilton deluso

Formula 1 2011 - Jenson Button e Lewis Hamilton commentano il Gran Premio di Turchia spiegando il perché della deludente prestazione della McLaren

da , il

    mclaren hamilton button turchia f1 2011

    Il duello in famiglia McLaren tra Lewis Hamilton e Jenson Button è stato uno dei momenti più spettacolari del Gran Premio di Turchia di F1 2011. Peccato che i due non stessero lottando per le posizioni di vertice. Peccato che questo abbia portato entrambi a chiedere qualcosa in più alle proprie gomme, finendo con il perdere competitività nei confronti degli altri avversari. Di questo e dei passi indietro fatti dalla monoposto parlano i due piloti inglesi al termine della gara di Istanbul.

    LEWIS HAMILTON. In qualifica non è arrivato un risultato brillante. L’errore al primo giro è stato il secondo indizio che il GP di Turchia non sarebbe stato dello stesso genere di quello della Cina dove Lewis Hamilton si è preso il lusso di battere persino Sebastian Vettel. “E’ stato il momento decisivo – ha spiegato il campione del mondo 2008 commentando quanto accaduto dopo la partenza – dietro a Fernando e Jenson ho perso le chance di salire sul podio. Poi ho battagliato con Jenson. Mi sono divertito ma ho rovinato le gomme. Ho dovuto fare un altro pit stop ma non penso che, a quel punto, avrei potuto fare meglio di un quarto posto. Dobbiamo e possiamo fare meglio. Ci sono ancora delle cose che dobbiamo capire sul comportamento della vettura”.

    JENSON BUTTON. L’altra metà del box McLaren incolpa semplicemente la strategia sbagliata e rimanda ai prossimi eventi giudizi più approfonditi. “La macchina era buona ma la strategia no. Dovevamo fare quattro soste come gli altri. Il mio ultimo stint è stato penalizzante perché non avevo più grip”, ha detto Button.