F1, McLaren: Hamilton e Button si lamentano dei troppi impegni promozionali

Formula 1: i piloti McLaren Button e Hamilton si lamentano dei troppi impegni promozionali

da , il

    hamilton button mclaren sponsor

    Dietro al malcontento dei piloti McLaren c’è una ragione che va oltre la scarsa competitività della loro monoposto. Dietro ai tanti errori commessi da Lewis Hamilton in questa stagione potrebbe esserci una spiegazione che va al di là del suo naturale istinto di attaccante impavido. Troppi impegni promozionali sfiancano, stancano, distraggono i piloti dal loro vero lavoro. A dichiararlo sono entrambi. Button e Hamilton. Si stima che il numero di giorni dedicati ad attività con gli sponsor sia praticamente il doppio rispetto a quello dei loro colleghi rivali di Ferrari e Red Bull.

    PILOTI MCLAREN. “Dovevo lavorare lunedì e martedì. Poi mercoledì dovevo volare in India e tornare tutto in un solo giorno. Fortunatamente quell’evento è saltato”. Lewis Hamilton sintetizza così la propria vita lavorativa fuori dalla pista. Un vero incubo:“Devo restare in un posto per un certo periodo se voglio allenarmi e prepararmi mentalmente alla prossima gara”. Dello stesso avviso Jenson Button:“A volte abbiamo 4 eventi diversi nello stesso giorno”. Per entrambi i piloti, le perplessità legate al rinnovo del contratto nascono proprio da questo extra-carico di lavoro più che ad una scarsa fiducia nei confronti della forza del team McLaren.