F1: Mercedes arrivo! Parla Aldo Costa

Formula 1: Aldo Costa, nuovo responsabile del progetto Mercedes GP, parla delle sue impressioni dopo l'ingaggio voluto da Ross Brawn

da , il

    aldo costa mercedes

    Aldo Costa ha una gran voglia di mettersi ferocemente al lavoro. La nuova avventura in Mercedes lo stimola per molti motivi: è entrato in una delle scuderie più prestigiose della Formula 1; ritrova due grandi e vincenti amici come Michael Schumacher e Ross Brawn che su di lui ripongono grande fiducia; vuole dimostrare al mondo intero che i problemi della Ferrari non hanno lui come primo colpevole. Sente, infine, il bisogno di recuperare credibilità nelle proprie capacità professionali.

    ALDO COSTA – MERCEDES GP. 50 anni da Parma, Aldo Costa ha lasciato la Ferrari dopo ben 16 anni di onesto lavoro. Non gli ci è voluto molto per trovare un’altra collocazione. Di tutto rispetto visto che a chiamarlo è stata la Mercedes, non una HRT qualunque. Sotto la spinta di un certo Ross Brawn, la casa di Stoccarda ha voluto puntare sull’ingegnere italiano per completare la scalata alla vetta del campionato mondiale di Formula 1. Tempo limite: anno 2013. Per il 2012, il lavoro è già fatto:“Non sono preoccupato perché c’è un gruppo di lavoro molto valido. Cercherò di dare il mio contributo perché l’anno prossimo possano arrivare delle soddisfazioni per il team Mercedes”. Costa sente il peso della missione che gli è stata affidata:“In Mercedes Gp mi danno la responsabilità tecnica della macchina e tanto mi basta, non voglio commentare il passato, ma guardo solo avanti. Senza alcuna polemica”, ha dichiarato al sito omnicorse. Per lui cambierà molto la vita visto che dovrà trasferirsi in Inghilterra e dovrà abituarsi a lavorare con uno staff del tutto nuovo tra i membri del quale spicca un altro acquisto dell’ultima ora, Geoff Willis:“E’ un tecnico molto preparato - ha commentato l’ex dt Ferrari – A lui è affidato il compito di sviluppare le tecnologie perché la fabbrica disponga di tutte le strutture necessarie per andare a vincere. Entrambi risponderemo a Bob Bell che è il direttore tecnico, una persona che stimo”.