F1, Mercedes: Bottas seconda guida! Ma lui tentenna

Lauda chiede alla Mercedes di nominare Hamilton prima guida ma Wolff e Bottas non sono ancora d'accordo

da , il

    F1, Mercedes: Bottas seconda guida! Ma lui tentenna

    Il Gran Premio d’Italia 2017 di Formula 1 potrebbe rappresentare il punto di svolta della stagione di Valtteri Bottas. La lotta tra Lewis Hamilton e Sebastian Vettel che vede il finlandese nel ruolo di terzo incomodo è troppo tirata. La Mercedes sta seriamente pensando di intromettersi avvalendosi del finlandese come scudiero del più titolato compagno di box anziché come antagonista per la conquista del titolo mondiale. Fosse per Niki Lauda non ci sarebbero stati dubbi neppure nelle gare passate:“Basta col buttare via punti! Sono diventato campione del mondo per mezzo punto e ho perso un titolo per uno… so di cosa parlo. Bottas non ha avuto un buon weekend a Spa e ora è Lewis che si trova nella miglior condizione”. Il boss del team Mercedes, Toto Wolff, invece, traccheggia ancora mentre il diretto interessato, Valtteri Bottas, prova a far valere le sue motivazioni ragionando con la matematica.

    Mercedes, Wolff:”Bottas-Hamilton? Aperti a tutte le opzioni”

    Toto Wolff capisce le ragioni di Niki Lauda ma crede che “castrare” le prestazioni di Bottas adesso per favorire Hamilton possa essere prematuro e negativo a livello di ritorno di immagine:“Vogliamo tenere aperte tutte le opzioni più a lungo possibile - ha ammesso il direttore del team Mercedes – la Ferrari ha un pilota nettamente davanti in classifica rispetto all’altro ma noi no. Prenderemo decisioni di volta in volta in base alle esigenze di gara”.

    Bottas:”Mi sento ancora in corsa per il titolo”

    Valtteri Bottas prova a sostenere la propria candidatura per il titolo nonostante accusi 41 punti di distacco da Sebastian Vettel:“Ci sono ancora 8 Gran Premi da disputare e tanti punti in palio. Oltretutto Hamilton e Vettel, a differenza mia, non hanno ancora accusato problemi tecnici. So che ho ancora il destino nelle mie mani. Se riuscirò a fare delle pole position e vincere delle gare potrà ancora dire la mia”. Proprio la qualifica sarà il momento cruciale per Bottas. Non ci sono ordini di scuderia che reggono quando c’è di mezzo il giro secco. E partire al palo renderebbe molto difficile per il team obbligarlo a dare strada al compagno di box.

    “Non voglio pensare ancora agli ordini di scuderia perché mi influenzerebbero negativamente. E’ chiaro che ad un certo punto della stagione il team dovrà puntare su un solo pilota ma mi sembra presto per farlo adesso”, ha aggiunto il finlandese.