F1, Mercedes con Schumacher oltre il 2012?

Formula 1 2011: Michael Schumacher potrebbe restare in Mercedes GP anche dopo il 2012

da , il

    michael schumacher f1 2012

    Forse Michael Schumacher non si ritirerà al termine della stagione 2012 di Formula 1. Il pilota tedesco potrebbe proseguire la collaborazione con la Mercedes GP anche dopo i 43 anni. A dichiararlo non è il diretto interessato ma qualcuno addirittura più importante che risponde al nome di Norbert Haug, storico responsabile del settore sportivo della casa della stella a tre punte. Non solo Ross Brawn, quindi, crede ancora nelle potenzialità del sette volte iridato. Anche la casa madre di Stoccarda pensa che Schumacher abbia ancora molto da dare.

    SCHUMACHER IN MERCEDES. Secondo alcuni, Michael Schumacher non avrebbe concluso neppure la stagione 2010. Secondo altri, uno come lui, potrebbe correre per anni e anni. Nel mezzo ci stanno tante possibili interpretazioni. Da quelli che credono abbia perso lo smalto di una volta a quelli che si dicono convinti che l’ottavo titolo non è un miraggio. Basta avere la macchina giusta. Intervistato dal giornale Bild am Sonntag, Norbert Haug ha dichiarato che il rapporto tra il Kaiser e la Mercedes potrebbe durare più di altri due anni. “Se Michael lo desidera possiamo accordarci al giusto prezzo, con piacere”, ha detto il responsabile Mercedes Motorsport. Ricordiamo che ad inizio 2010 Michael Schumacher ha firmato un contratto triennale con il team di Brackley, dandosi l’anno 2012 come termine ultimo per conquistare l’ottavo titolo iridato. “Michael potrebbe sorprendere diverse persone quest’anno”, ha aggiunto Ross Brawn.

    SCHUMACHER 2011. I test invernali si sono conclusi con il sorriso per Michael Schumacher. La Mercedes è apparsa in vertiginosa crescita. “Siamo sicuramente contenti della nostra posizione di partenza per la prima gara della stagione”, ha affermato al termine dei test di Barcellona. Ricordiamo che non più di due settimane fa la squadra di Rosberg e Schumacher era in pieno fermento. Lo stesso Norbert Haug sosteneva che, se si fosse corso in quel momento, i piloti Mercedes non sarebbero riusciti ad entrare tra i primi dieci.