F1, Mercedes: in Brasile per lavorare sul 2018

Mercedes lavorerà in ottica 2018 già da questo Gran Premio del Brasile. Wolff e Lauda non sono ancora sazi di successi!

da , il

    F1, Mercedes: in Brasile per lavorare sul 2018

    La scuderia Mercedes di Formula 1 ha dominato le ultime 4 stagioni, ha superato da vincente un cambio drastico di regolamenti e… non ha ancora la pancia piena di successi. Nemmeno un po’. E’ questo lo stile del timoniere Toto Wolff. Dal paddock di Interlagos, il manager austriaco fa sapere che il prossimo Gran Premio del Brasile di F1 2017 sarà un ottimo campo di prova per portare in pista delle novità in ottica 2018.

    Guai a stare fermi, altrimenti gli altri ci prendono, sembra essere il motto del team Mercedes F1 che, oltretutto, si appresta a blindare il contratto di Hamilton ed a cercare un’alternativa più convincente di Bottas in vista del 2019.

    Mercedes: in Brasile è già iniziato il 2018

    Vinti entrambi i titoli mondiali di F1 2017, piloti e costruttori, la Mercedes vuole iniziare immediatamente a lavorare sulla stagione di Formula 1 2018. Primo banco di prova sarà il Gran Premio del Brasile di domenica prossima. “I prossimi due weekend di gara che restano saranno per noi come i primi del 2018 e vogliamo vincere per iniziare bene l’inverno”, ha dichiarato Toto Wolff. “Hamilton è in un grande momento di forma e credo voglia riconfermarsi mentre Bottas deve reagire da un momento difficile. Sappiamo che ormai Ferrari e Red Bull sono al nostro livello per cui vincere non sarà più tanto facile”, ha aggiunto il team manager delle Mercedes.

    Mercedes pronta a rinnovare il contratto di Hamilton

    La Mercedes e Lewis Hamilton resteranno insieme. Entro la fine di questo mese potrebbe arrivare il prolungamento del contratto. “Corro con Mercedes dai tempi del programma giovani della McLaren e non vedo il motivo per cui dovrei cambiare proprio adesso”, ha spiegato il nuovo quattro volte campione del mondo. Quanto al suo compagno di squadra, le quotazioni di Bottas sono in forte calo. Il finlandese ha di fronte un 2018 in cui sarà chiamato a compiere il definitivo salto di qualità. Altrimenti Toto Wolff dovrà guardarsi attorno:“Non abbiamo piloti sotto contratto per il 2019 ma vorremmo che Lewis restasse. Dopodiché stiamo seguendo tanti giovani come Esteban Ocon, Pascal Wehrlein e Charles Leclerc. Vedremo come si svilupperà il mercato e che opportunità ci saranno verso la fine del prossimo anno”, ha ammesso.

    Mercedes: Allison l’uomo in più

    Perso Paddy Lowe, la Mercedes ha iniziato un nuovo ciclo con un altro direttore tecnico che risponde al nome di James Allison. Silurato dalla Ferrari, sta trovando i meritati riconoscimenti lavorando a fianco di Toto Wolff. Riconoscimenti non solo sportivi ma anche umani:“Adoro lavorare con lui - ha ammesso il capo del team Mercedes – è come un mio gemello diverso. Abbiamo gli stessi valori ma pensiamo in modo diversi e ci completiamo a vicenda. Per il 2018 sta lavorando in modo da mantenere la velocità di questa monoposto rendendola, però, più facile da regolare e meno bizzosa”.