F1 News, addio motori 1.6: FIA cambia regole dal 2021!

F1 News, addio motori 1.6: FIA cambia regole dal 2021!

Esito positivo per la riunione organizzata dalla FIA con i grandi costruttori per discutere i nuovi regolamenti sui motori di F1 che entreranno in vigore dal 2021

    F1 News, addio motori 1.6: FIA cambia regole dal 2021!

    La riunione di oggi per ragionare sulle nuove regole dei motori di Formula 1 in vista del 2021 ha partorito una prima bozza sulla quale tutti, dal presidente della FIA Jean Todt ai principali team di F1 nonché grandi costruttori come Volkswagen, si sono trovati d’accordo. A Parigi, si sono riuniti alcuni tra i più importanti rappresentanti dell’industria automobilistica per parlare del futuro della Formula 1. La proposta della Federazione Internazionale dell’Automobile è stata quella di abbandonare nell’arco di 4 anni le attuali e costosissime power unit ibride V6 turbo da 1,6 litri di cilindrata in favore di motori più economici, più rumorosi e quindi spettacolari, ma anche capaci di consentire un effettivo trasferimento di tecnologie dai prototipi che scendono in pista alle vetture di tutti i giorni che girano sulle nostre strade. Ovviamente, parte dei progressi fatti soprattutto sul fronte della propulsione ibrida non saranno accantonati ma saranno il punto di partenza del nuovo regolamento di F1.

    Ora che i costruttori hanno dato il loro assenso a modificare l’attuale regolamento sui propulsori entrato in vigore nel 2014, si apre un grande capitolo in cui tutti saranno chiamati a dare il proprio contributo nello scrivere le regole. La FIA, per il momento, ha solo indicato alcune linee guida: motori con molti cavalli, più rumorosi, più semplici e più economici. In tal senso, qualcuno ha già chiesto di abolire la regola che fissa in 105 Kg il consumo massimo di carburante in gara. Jean Todt ha dichiarato:“Sono soddisfatto dell’esito dell’incontro e che tutti i rappresentanti abbiano trovato un punto di accordo. Ora dovremo sederci ad un tavolo per individuare le regole esatte per queste power unit che esordiranno nel 2021. Il primo passo è stato fatto e va nella direzione giusta”.

    Tra i costruttori presenti e interessati all’incontro organizzato dalla FIA, oltre a Ferrari, Mercedes, Renault e Honda già impegnati in Formula 1, c’erano quelli di Audi e Volkswagen rappresentate da Stefano Domenicali ma anche Heinz Harald Wester per conto dell’Alfa Romeo.

    Sergio Marchionne insiste nel sostenere che la casa del Biscione debba tornare in F1 e sta muovendo le prime pedine. L’obiettivo dell’incontro era anche quello di trovare un fronte comune tra i vari costruttori per sviluppare la tecnologia ibrida in modo virtuoso e su una piattaforma comune per evitare sprechi di risorse. Curiosamente, però, al tavolo non si è seduta la Toyota che è stata la prima casa automobilista a credere nell’ibrido ed ha recentemente confermato la propria presenza nel WEC, il campionato mondiale endurance anch’esso organizzato dalla FIA.

    551

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FiaFormula 1 2017News F1Regolamento Formula 1 2017
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI