F1 News, Alonso fa pace col passato:”Ferrari, mi spiace non vinca”

Formula 1: Alonso torna ancora sulla scelta di lasciare la Ferrari per dimostrare di aver avuto ragione. Al tempo stesso, chiude ogni polemica lanciando messaggi d'amore per la scuderia italiana.

da , il

    Fernando Alonso ha un progetto chiaro in mente: diventare per la terza volta campione del mondo di Formula 1. A suo dire, come confermano i fatti, non aveva più senso restare in Ferrari per altri due anni. Meglio lasciare tutto nel 2014 e puntare su una nuova avventura con un team ambizioso, blasonato e con grandi risorse come la McLaren-Honda. Con uno occhio sullo specchietto retrovisore del passato ed uno che guarda avanti verso un futuro neanche troppo lontano, l’asso di Oviedo ribadisce un concetto che, per chi lo conosce bene, è divenuto ormai un mantra:”Non esiste alternativa alla McLaren se si vuole sperare di battere la Mercedes”.

    Alonso: “Sapevo di far bene a lasciare la Ferrari”

    La stagione 2015 è stata da film horror. Quella 2016 è semplicemente deprimente per uno nato per vincere. Ma quali alternative aveva? Avrebbe ottenuto tanto di più restando in Ferrari fino a questa stagione? “Avevo ragione, sapevo di avere ragione – ha dichiarato Fernando Alonso parlando della scelta di lasciare Maranello in anticipo per scommettere tutto sulla coppia McLaren-Honda – Nel 2014 ho deciso di andare via anche perché il mio tempo in Ferrari è stato fantastico e volevo che finisse senza brutte sensazioni”. Ricordiamo che in 5 stagioni vestito di Rosso, in due occasioni Alonso ha perso il titolo all’ultima gara nonostante non abbia mai guidato una monoposto all’altezza della Red Bull e mai per demeriti suoi. “Anno dopo anno era sempre più stressante perché senza risultati sembrava che la colpa fosse tua ma non auguro problemi alla Ferrari perché è un team che porterò sempre nel cuore”. Lo spagnolo, infine, nega di sentirsi passato dalla padella alla brace:”Adesso non sta andando tanto meglio ma per avere delle speranze di vincere il terzo titolo mondiale ho bisogno di guidare una Mercedes o una McLaren-Honda”, ha ribadito il mastino delle Asturie.

    F1: McLaren-Honda possibile sorpresa del 2017

    La McLaren ha in serbo delle sorprese e ci aspettiamo che sia una delle squadre protagoniste del 2017. C’è luce in fondo al tunnel. La power unit Honda sarà quantomeno decente ad inizio del nuovo anno e, grazie alla libertà di sviluppo concessa dai nuovi regolamenti, potrà finalmente raggiungere i rivali nel corso della stagione. In Giappone stanno facendo turni tali da garantire un lavoro 24 ore su 24. Quanto al telaio, lo sviluppo della nuova macchina è già iniziato e si intravedono soluzioni decisamente innovative anche in queste gare del 2016. Ad esempio, il gruppo guidato da Peter Prodromou, miglior allievo di Adrian Newey, ha fatto debuttare un interessante particolare, ribattezzato “bat wing”, capace di migliorare il comportamento della parte bassa della vettura. “Tutti gli aggiornamenti che stiamo portando in pista saranno utili anche per il 2017. Abbiamo interessanti novità in cantiere già da dopo la pausa estiva”, ha assicurato il team principal Eric Boullier.