F1 News, Alonso:”Nel 2018 sarò… finalmente libero!”

Fernando Alonso parla senza peli sulla lingua del suo futuro tra F1, McLaren e Indycar mentre Briatore conintua a dargli consigli

da , il

    F1 News, Alonso:”Nel 2018 sarò… finalmente libero!”

    Fernando Alonso torna a parlare del suo futuro come pilota di Formula 1 in vista della stagione 2018. Il suo contratto con la McLaren-Honda, infatti, scade al termine del 2017 e – dopo 3 anni di continue frustrazioni – si trova finalmente nella condizione di poter scegliere liberamente il proprio destino. A preoccuparlo c’è solo un dato: quello anagrafico. Gli restano pochissime stagioni in cui contare sul massimo potenziale psicofisico. A Fernando Alonso non interessano soldi o popolarità ma vuole solo e soltanto vincere per prendersi qualche riconoscimento che immeritatamente gli è stato negato in quindici anni di Formula 1. Non è un mistero, ad esempio, che quando Rosberg ha annunciato l’addio, lui si è offerto a gratis alla Mercedes. Invano. Non ci sono altre ragioni, inoltre, per spiegare la sua pazza idea di correre la 500 Miglia di Indianapolis presentandosi al via con pochissimi chilometri di test percorsi. Per seguire LIVE in diretta web le qualifiche LIVE in diretta del GP Russia F1 2017, BASTA CLICCARE QUI!

    Fernando Alonso: “Non ho più tempo da sprecare”

    Fernando Alonso, intervistato dalla CNN, parla in modo chiaro e limpido del suo futuro come raramente ha fatto fino ad ora:“Non sono disposto ad aspettare ancora molto la McLaren e la Honda - ha commentato serenamente – sono nella fase finale ella mia carriera e mi sono rimasti pochi anni al top come pilota. Ogni anno spero che sia l’ultimo in cui mi trovo lontano dalla lotta per la vittoria. Ora analizzerò che possibilità ci saranno per il 2018 guardando soprattutto i miglioramenti che farà la McLaren. Il mio contratto scade quest’anno per cui, diversamente dagli anni scorsi, mi troverò nella piena libertà di scegliere il mio futuro. Cercherò di sfruttare qualsiasi possibilità, perché il mio obiettivo è vincere dopo tanti anni di frustrazione”.

    Fernando Alonso si porta Briatore anche ad Indianapolis

    Flavio Briatore è, a modo suo, un fenomeno. E merita rispetto, per carità. Ma come manager di Fernando Alonso ha toppato praticamente sempre. Tolti i due titoli del 2005 e 2006, non lo ha mai aiutato ad azzeccare una mossa. Si è messo nella polveriera McLaren del 2007. Ha sprecato altri due anni tornando in Renault nel 2008 e 2009. Tra sfortune, incomprensioni e limiti caratteriali non ha massimizzato l’esperienza in Ferrari e nel 2015 è passato dalla padella Rossa alla brace McLaren-Honda. Certo, la sfiga è stata il filo conduttore di tutta l’esperienza in Formula 1 di Alonso. Basti pensare a spy-story del 2007, crashgate del 2009, i mondiali persi del 2010 e 2012 all’ultima gara contro Vettel. E chi poteva immaginarsi che pure la Honda avrebbe fatto un flop di queste dimensioni?

    Il risultato finale è che Fernando Alonso ha raccolto molti meno successi di quanto meritasse ed ora, alla disperata, si è persino buttato nell’avventurosa 500 Miglia di Indianapolis portandosi dietro l’amico Flavio Briatore. “Lo chiamo Ferdinando e andrò con lui a Indianapolis dato che gliel’ho promesso. Abbiamo solo dei dubbi sulla sicurezza dato che là c’è una banda di matti che ti viene addosso con dei cassoni di macchine”, ha dichiarato il geometra di Cuneo su Sky Tg 24. Alonso ha sempre rispettato la Indycar, Briatore un po’ meno. Ma si sa com’è, parla schietto:“Due anni fa Fernando voleva anche fare la Le Mans ma Ron Dennis gliel’ha impedito. Ora c’è gente nuova che capisce”, ha concluso.