F1 News, Ecclestone: “Vettel in Ferrari? Si è comportato da perdente”

Formula 1: Ecclestone critica Vettel (e Alonso) per come si sono comportati da perdenti nel gestire la stagione 2014

da , il

    F1 News, Ecclestone:"Vettel in Ferrari? si è comportato da perdente"

    Ci pensa Bernie Ecclestone a buttare un po’ di tensione nei festeggiamenti infiniti di casa Vettel per il passaggio del pilota dalla Red Bull alla Ferrari. Il patron della Formula 1, noto estimatore del 4 volte iridato, non gli ha risparmiato critiche:“Non mi è piaciuto quello che ha fatto quest’anno perché si è comportato d perdente. E’ cambiato. Non è questa la sua mentalità. Lui non vuole mai perdere mentre invece ha fatto come Alonso che da metà stagione in poi ha mollato”.

    Horner: “Red Bull meglio nel 2015″

    Le critiche di Ecclestone investono anche la Red Bull:“Non sono stati in grado di contendere il titolo alla Mercedes e se non fosse stato per la lotta in famiglia tra Lewis e Nico, avremmo avuto un campionato soporifero”, si legge su F1passion. Indiretta arriva la replica di Chris Horner:“Sappiamo come impostare il lavoro e siamo preparati stavolta nel sapere il potenziale della Mercedes che un anno fa ci ha colti un po’ di sorpresa. Puntiamo a chiudere il gap durante questo inverno, perché crediamo che Renault sia capace di risolvere i problemi”.

    LEGGI ANCHE: IL DEBUTTO DI VETTEL A FIORANO SULLA FERRARI

    Newey diminuisce ancora la sua presenza in F1

    “Faccio parte della Red Bull anche se mi occuperò di altro. Sarò presente in una mezza dozzina di gare che ritengo più importanti e complesse dal punto di vista tecnico oltre a quella d’esordio in Australia”, con queste parole riportate dall’AP, Adrian Newey spiega come si articolerà il suo impegno con il team Red Bull Racing nel corso della stagione 2015 di F1. Voglio restare nell’ambiente ed avere un ruolo di mentore e consigliere - ha proseguito il Genio – perché ho un grande gruppo che è cresciuto molto e pensa possa fare da solo un altro passo in avanti”.

    Marko: “Trofei rubati? Non valgono nulla”

    Alcuni giorni fa dei ladri si sono introdotti nella factory di Milton Keynes sfondando una vetrina con un auto. Hanno rubato circa 60 trofei tra quelli vinti in questi anni dalla Red Bull ma per un magro bottino che a malapena ripaga i danni subiti dalla propria autovettura. A rivelarlo è Helmut Marko che commenta le immagini del circuito di videosorveglianza:“Hanno fatto tutto in 2 minuti e mezzo e pensiamo che vogliano fondere l’argento che compone i trofei visto che sono pezzi unici e difficili da rivendere. Inoltre, li hanno gettati dentro la macchina con noncuranza. Il problema è che quegli oggetti hanno, in totale, un valore di poche migliaia di Euro. Sono stati ridicoli”, ha concluso.