F1 News, Ferrari 2016: Bottas unica alternativa ad un Raikkonen già out

Secondo alcune indiscrezioni, Iceman sarebbe già fuori dal progetto. A meno che...

da , il

    Sul fronte del secondo pilota della Ferrari per la stagione 2016 di Formula 1, arrivano da varie parti indiscrezioni ben documentate e tutto sommato concordanti. Perché, allora, non rifare il punto della situazione? Bene: sembra proprio che l’unica alternativa che interessa realmente a Sergio Marchionne e Maurizio Arrivabene in caso di mancato rinnovo di Kimi Raikkonen è Valtteri Bottas. A questo aggiungiamo che, alla luce delle ultime prestazioni, l’uomo di ghiaccio è sostanzialmente già fuori dal progetto. A meno che non riesca a far cambiare idea alla dirigenza del Cavallino Rampante con risultati di tutt’altro spessore nelle prossime 3 gare. Per seguire il LIVE della gara in diretta del GP Silverstone F1 2015, BASTA CLICCARE QUI!

    Raikkonen: “Voglio restare ma i contratti si firmano in due”

    Stando a quanto riportato dalla BBC, quello che è stato dato a Kimi Raikkonen è un vero e proprio ultimatum: ci vuole una netta e chiara inversione di tendenza. Deve essere più concentrato, più “presente” sin dalle qualifiche. E deve lavorare di più. A Maurizio Arrivabene poco interessa che il simulatore gli faccia venire il mal di mare se è quello uno dei principali strumenti del mestiere per i piloti della Formula 1 di oggi. “Fosse per me il contratto sarebbe già stato firmato – ha dichiarato Raikkonen parlando del rinnovo – ma certe cose si devono fare in due. Spero di restare in Ferrari perché sono convinto che stanno lavorando per tornare la squadra da battere”.

    Ricciardo in Ferrari? Candidatura fuori tempo massimo

    I mass media inglesi raccontano di un Daniel Ricciardo divenuto primo nome nella lista dei possibili sostituti di Kimi Raikkonen per la stagione 2016 di Formula 1. In verità, dall’Italia la storia risulta un po’ diversa: non ci sono alternative a Vallteri Bottas che è già ad un passo dalla firma del contratto. Il finlandese pare un pilota solido, un gran lavoratore e un’opzione non troppo scomoda per Sebastian Vettel. Daniel Ricciardo sembra arrivato fuori tempo massimo anche a causa – soprattutto – di un contratto blindato, almeno per un altro anno, con la Red Bull. “Non è facile per me dire ‘sì vado alla Ferrari’, perché ci sono dei contratti di mezzo e molte cose da sistemare ma è bello essere accostati ad un team così importante - ha ammesso senza troppi giri di parole il pilota australiano – resto convinto di volermi togliere delle soddisfazioni e di correre per un team vincente e, al di là della mia frustrazione per i risultati che non arrivano, credo che la Red Bull possa tornare in fretta in cima alla classifica. Abbiamo tutti gli ingredienti per farcela”.

    Ferrari: ora la testa è a Silverstone

    Lasciati sfogare i giornalisti sulle questioni prettamente estive del fanta-mercato piloti, la Ferrari è al 100% concentrata sul prossimo GP di Silverstone:“È un Gran Premio non facile, ammesso che ne esistano di facili, ma la nostra intenzione è di affrontarlo con il giusto mix di umiltà e determinazione – ha dichiarato il capo ufficio stampa Alberto Antonini su ferrari.com – In assoluto sappiamo che questa sarà un’estate impegnativa, ci saranno gare non semplici e anche molto diverse nella tipologia. Noi continuiamo a lavorare e a portare sviluppi ad ogni gara, perché la nostra intenzione è di recuperare quel gap che al momento ci separa dai nostri avversari, tenendo conto del fatto che il potenziale delle ultime due gare era comunque superiore al risultato che abbiamo ottenuto in pista”. Il capo della comunicazione Rossa degna di citazione anche le tante voci di mercato che girano attorno al destino di Kimi Raikkonen:“E’ bello avere qualcosa da leggere quando si è in spiaggia, è normale in questa stagione parlare un po’ di tutto, ma la realtà della squadra è molto semplice. I posti sono due e al momento risultano occupati. Siamo sicuri che ci sia più di un pilota che ambirebbe ad avere un posto in Ferrari, però in questo momento la situazione è quella che è, con due piloti titolari”.