F1 News, Ferrari: impossibile credere allo scambio Alonso-Vettel!

Formula 1: scambio impossibile tra Vettel e Alonso e tra Ferrari e Red Bull

da , il

    F1 News, Ferrari: impossibile credere allo scambio Alonso-Vettel!

    La Ferrari sta ripetendo da settimane, prima con Montezemolo ed ora sia con Mattiacci che Marchionne, la conferma assoluta per Fernando Alonso e Kimi Raikkonen come coppia piloti anche per la stagione 2015 di Formula 1. Lo spagnolo, oltretutto, ha un contratto che lo lega a Maranello per tutto il 2016. Parallelamente Sebastian Vettel deve stare in Red Bull per almeno altri 12 mesi. Come dar credito alle voci di un clamoroso scambio tra i due? Certo, i mal di pancia del tedesco sono noti visto che Ricciardo gli sta portando via onori e oneri. Sui doloretti di Nando, parimenti, non c’è bisogno di dilungarsi.

    L’incertezza sul destino della Ferrari, l’uscita di scena di Montezemolo e la morte improvvisa del capo della Banca Santander Emilio Botin (stroncato alcuni giorni fa da un infarto), rendono Fernando Alonso molto più solo. Si dice che metà team sia sempre e comunque, incondizionatamente, con lui. L’altra metà vorrebbe dargli il via libera per resettare una marea di tensioni e delusioni, per ricominciare da capo senza la pressione del dover vincere per forza e subito. Iniziare un nuovo progetto vincente lavorando gomito a gomito con un ragazzo come Sebastian Vettel che, viste le scorpacciate di titoli e la giovane età non avrebbe l’impazienza del collega spagnolo, sembra un lusso necessario oggigiorno in casa Ferrari. Dicevamo del tempo, perché Marchionne prima spara e poi ritratta. Come Mattiacci appena arrivato: si passa dal “vinciamo subito” al “ci vuole tempo”. Così fece anche Montezemolo dal 1993 in poi. Con lentezza, costruì una squadra solidissima e imbattibile. La storia si ripeterà? E chi sarà il pilota che beneficerà di tutto questo lavoro?

    | ORARI E PREVISIONI METEO PER IL GRAN PREMIO |

    Nella testa di Alonso

    La voglia di sbattere la porta lasciandosi alle spalle il “casino all’italiana”, per dirla alla Lauda, è forte. Dicono fonti interne alla Ferrari che Fernando Alonso si senta in un vicolo cieco. Non sa più se credere al potenziale di sviluppo della Rossa. Non sa se gli conviene restare per capitalizzare i tanti anni sprecati o se cambiare aria e scommettere tutto sul progetto McLaren-Honda. Sul fronte anglo-nipponico, ad oggi, l’unica certezza sono i soldoni da incassare. Ma quelli sono la parte meno interessante della storia per un ragazzo che, comunque, se la passa già alla stragrande. L’opzione Red Bull, più allettante quanto a prestazioni, sembra decisamente non praticabile. Qualora i lattinari restassero a sorpresa orfani di Vettel (eventualità negata per l’ennesima volta da Helmut Marko anche poche ore fa), infatti, andrebbero immediatamente a prendersi Daniil Kvyat dalla Toro Rosso rendendo coerente il loro investimento sui giovani di talento e liberando un sedile a Faenza per Carlos Sainz Junior.

    | LIQUIDAZIONE MILIONARIA PER MONTEZEMOLO, LEGGI QUI |

    Nella testa di Vettel

    Scenario completamente diverso dalle parti di Vettel. In comune con lo spagnolo c’è solo il malumore. Malumore derivante dal passo troppo breve che l’ha portato da campione idolatrato a pilota in crisi. Il team austriaco sta investendo su Ricciardo anche come uomo immagine. Con il suo bel faccione sono uscite in commercio lattine celebrative e gadget vari. Parallelamente, altri giovani tipo Kvyat e Verstappen già scalpitano. Quindi? Vettel soffrirà ancora tutto il 2015 e poi valuterà per bene l’offerta Honda che, nel frattempo, avrà dimostrato in pista il proprio potenziale. Contemporaneamente la Ferrari sarà pronta a salutare Kimi Raikkonen (anch’egli con contratto in scadenza a fine 2015) per mettere provocatoriamente il tedesco a fianco dell’asturiano in ottica 2016. Ad esempio. Vettel, come detto, ha un gran patrimonio da spendere: è l’unico tra i piloti in attività che può permettersi, visti i successi già messi in bacheca, di buttarsi su un’avventura tutta nuova che non porti a risultati immediati. E’ l’uomo ideale per chi vuole costruire un ciclo vincente partendo da zero. O giù di lì. Ferrari e McLaren-Honda, appunto, sono interessate.

    Twitter: @pierimanuel