F1 News: Ferrari perde sponsor Santander

Nessun problema per la Ferrari dato che Santander aveva deciso da tempo di lasciare la Formula 1

da , il

    F1 News: Ferrari perde sponsor Santander

    Il Banco Santander ha deciso di lasciare la Formula 1 e la Ferrari dopo oltre dieci anni di grossi investimenti promozionali non solo con la scuderia italiana ma anche con altri team e circuiti.

    La Ferrari perde un importante gettito di denaro che dava bella mostra di sé in zone caldissime a livello di immagine come i cappellini e le tute dei piloti oltre che l’ala posteriore e anteriore della monoposto di Formula 1. Nessun dramma, però, a Maranello. Non sappiamo quale sarà il nuovo nome che occuperà quegli spazi ma crediamo che il sostituto sia già stato trovato dato che Santander ha annunciato da tempo che avrebbe lasciato la Formula 1 per dedicare i propri sforzi economici in altre discipline, calcio e Champions League su tutte.

    Formula 1: Santander dice addio

    Era stato Emilio Botín, storico boss della Banca, appassionato di Formula 1 e grande tifoso di Fernando Alonso a far entrare Santander nel Circus. Con la sua scomparsa nel 2014, è scemato l’entusiasmo del Gruppo finanziario iberico per i motori.

    Nei tempi migliori, ovvero quelli di Alonso in Ferrari, Santander era sponsor della Rossa ma anche della McLaren di Hamilton con cui aveva iniziato una collaborazione già dal 2006 quando gli inglesi ingaggiarono il pilota di Oviedo. Non solo, la banca era stata title sponsor di diverse gare in calendario compreso il GP di Monza.

    Il nuovo piano di marketing prevede investimenti massicci nella Champions League per il periodo 2018-2021.

    Ferrari preoccupata di… altro

    La Ferrari non è preoccupata per la perdita dello sponsor Santander. Va detto, però, che – anche dal punto di vista iconografico – finisce un’era.

    La Ferrari è più preoccupata per la direzione che Liberty Media vuole dar alla Formula 1. In tal senso è arrivata a minacciare persino l’addio al Circus ed ha trovato pieno appoggio nella Mercedes:“Abbiamo visto la diminuzione di vendite e profitti per cui siamo aperti a qualunque direzione - ha ammesso Toto Wolff – ha ragione la Ferrari, siamo in una situazione in cui non capiamo che cosa vuole fare la Formula 1. Noi non ci stiamo chiedendo se vogliamo competere o meno ma dove andare per essere nella categoria regina del motorsport”.

    Dove andrà la Formula 1? Una risposta prova a darla Ross Brawn in qualità di direttore di Liberty Media:“Abbiamo cambiato il logo della F1 e questo è stato il primo passo. Vogliamo far capire che la F1 sta entrando in una nuova era guardando al futuro e ai fan più giovani”.