F1 News, Hamilton a Vettel: “Non ti farò vincere 7 titoli come Schumi”

Formula 1: Hamilton cerca in Vettel un nuovo rivale e provoca il pilota della Ferrari. Sarà già il 2016 l'anno del grande duelli tra questi due super-campioni?

da , il

    Lewis Hamilton ha il senso dello show nel DNA. Lo si capisce del suo stile di guida. Dal suo atteggiamento da star e dalla sua voglia di crearsi delle belle rivalità. Ormai annichilito il compagno di squadra Nico Rosberg e archiviate da tempo le ostilità con Fernando Alonso, adesso punta alla Rossa ed al suo alfiere Sebastian Vettel. “Ho la sensazione di averlo sempre rincorso dato che in questi anni è sempre stato davanti a tutti nelle classifiche – ha dichiarato nella conferenza stampa post GP degli USA rivolgendosi al tedesco – ora farò di tutto per non farti vincere 7 titoli mondiali come Schumacher, caro mio. Certamente il prossimo anno ci potrai provare ma intanto per ora sei ancora dietro”. Segui insieme a noi LIVE in diretta la gara del Gran Premio del Messico di F1 2015.

    Vettel: “Obiettivo 2016 è migliorarci ancora”

    Purtroppo Sebastian Vettel è un po’ solo pane e motore. Difficilmente raccoglierà le provocazioni di Hamilton per rincarare la dose e spedire nell’iperspazio la loro rivalità. Intanto, però, si gode le tre vittorie conquistate ed i 12 podi che sono arrivati superando ogni rosea previsione della vigilia. “Abbiamo superato ogni aspettativa – ha affermato il pilota della Ferrari - il nostro obiettivo per il 2016 è migliorarci ancora provando a lottare per il titolo fino all’ultima gara, perché tutti – come me – non saranno mai soddisfatti fino a quando non alzeranno la coppa del Campione del Mondo”.

    Hamilton: distrutto Rosberg, ora punta a Vettel

    Lewis Hamilton ha il senso dello show, dicevamo. E quello della storia. “Non posso dire se la mia era è cominciata ma sicuramente sto raccogliendo i frutti di un percorso iniziato da alcuni anni - ha raccontato il tre volte iridato – Mi piace costruire le cose passo dopo passo. Nel 2014 è arrivata la prima soddisfazione di questo progetto e quest’anno è andato tutto alla grande. Devo godermi questi momenti pensando che sarà dura ripetersi”. Il britannico sa che le vittorie sono ancor più importanti quando avvengono contro degli avversari di spessore. E Nico Rosberg non rappresenta più per lui un nome “caldo” da spendere negli annali:“Capisco la sua rabbia. Avermi come compagno di squadra è una delle cose peggiori che può succedere. Ad Austin lui era deluso per il suo errore. Forse lo avrei superato lo stesso perché avevo gomme fresche ma il suo sbaglio mi ha reso la vita molto più facile”.

    Hamilton, un predestinato che non tradisce le attese

    Lewis Hamilton vincerà ancora molti titoli mondiali. Probabilmente nel 2016 raggiungerà Vettel a quota 4. Dopodiché si potrà lanciare verso numeri ancor più alti. A sostenerlo è Pedro De La Rosa:“Penso che Lewis abbia un talento speciale come solo Alonso e Vettel ma, a differenza loro, la sua Mercedes è un’arma letale. Non riesco ad immaginare che nel 2016 non sarà ancora lui ad avere la macchina più forte in pista”, ha spiegato a El Mundo. Lo spagnolo bacchetta la McLaren per esserselo fatto sfuggire. De La Rosa c’era quando un giovanissimo Hamilton iniziò i primi passi nel programma per giovani talenti di Woking:“In McLaren hanno sbagliato con lui. E’ stato il primo pilota sul quale hanno scommesso ed è andata bene. Pensavano di poterne trovare altri come lui ma io dissi subito a Martin Whitmarsh che Lewis era speciale. ‘Potete smettere di giocare alla lotteria, avete già vinto’, dissi loro quando lo vidi correre per la prima volta. Come tutti i talenti, Hamilton ha anche il grande pregio di saper attrarre a sé i migliori tecnici, così Paddy Lowe lo ha seguito nella nuova avventura Mercedes lasciando la McLaren”.