F1 News, incidente Bianchi: idea elicotteri al posto delle gru! [VIDEO]

Formula 1: elicotteri al posto delle gru per spostare le macchine in caso di incidenti? E' questa l'ultima proposta fatta alla FIA dopo l'incidente di Bianchi

da , il

    F1 News, incidente Bianchi: idea elicotteri al posto delle gru!

    Prendiamo spunto da quanto segnalato dai colleghi di Omniauto per riportare un’interessante proposta firmata Air Zermatt. A seguito dell’incidente nel Gran Premio del Giappone 2014 di Formula 1 che ha visto Jules Bianchi impattare contro una gru impegnata a togliere dalla via di fuga la Sauber di Sutil che era precedentemente uscita di pista, l’azienda svizzera che lavora nel settore degli elitrasporti ha ricordato un esperimento da loro portato avanti nell’ormai lontano 2005 durante la gara di di Dubai della A1GP Series. In quell’occasione l’Air Zermatt utilizzò i suoi mezzi per spostare le monoposto fuori dal tracciato in modo estremamente sicuro, rapido e anche spettacolare proprio agganciandole ad un elicottero. Per seguire il LIVE delle qualifiche in diretta web, con aggiornamenti costanti, tempi e classfiche, BASTA CLICCARE QUI!

    In questi giorni la compagnia elvetica ha postato su Youtube un nuovo video nel quale mostra come sarebbe relativamente semplice per loro incaricarsi di queste operazioni. Già alcuni anni fa gli svizzeri avevano pensato e sperato di poter entrare nel business della Formula 1 ma la FIA non approfondì mai l’esperimento. Sull’onda emotiva per quanto accaduto a Jules Bianchi, potrebbe essere questa la volta buona. Jurgen Konig dell’Air Zermatt ha così parlato ai connazionali del Blick:“Con il nostro sistema di salvataggio si sarebbe evitato l’incidente di Bianchi, poiché non ci sarebbero stati altri veicoli in pista”. Per completare l’analisi, però, dobbiamo dire che non è tutto oro quel che luccica: in caso di rimozione di un mezzo dalla via di fua, l’ingresso della gru ha anche un’altra funzione: quella di fare da “scudo” ai commissari. Un’uscita di pista come quella dello sfortunato Bianchi senza che ci sia un veicolo a fare da protezione agli addetti al circuito, potrebbe trasformarsi persino in un drammatico strike umano!

    FIA: si ragiona anche su abitacoli chiusi

    Non è chiaro quanto un abitacolo chiuso avrebbe cambiato le sorti dell’incidente di Jules Bianchi. Con ancora nella memoria quanto accaduto a Felipe Massa nel 2009 o più recentemente al giovane Henry Surtees, figlio di John, scomparso tragicamente per essere stato colpito da una ruota durante una gara di F2 a Brands Hatch, comunque, la FIA ha ripreso a dare attenzione all’idea dell’abitacolo chiuso che prevederebbe una copertura trasparente analoga a quella presente sugli aerei militari. Ricordiamo che in passato erano state fatte delle prove non del tutto convincenti con una struttura in policarbonato anche perché il detrito finiva con il rimbalzare con violenza ad altezza uomo incrementando il fattore rischio per chi era nei pressi dell’incidente. Successivamente, nel 2013, la Federazione aveva proposto una sorta di roll bar in posizione avanzata senza, però, trovare il consenso delle scuderie in quanto preoccupate dell’estetica e di problemi legati all’efficienza aerodinamica. “La questione è complessa ma noi continuiamo a lavorarci”, ha spiegato Charlie Whiting su Autosport. Il direttore di corsa ha dovuto anche ammettere, purtroppo, che nessun accorgimento avrebbe mai potuto aiutare Bianchi in quanto l’impatto tra la sua Marussia e la gru di Suzuka è stato talmente violento da andare oltre i parametri presi normalmente in considerazione durante i crash test.