F1 news, James Allison elogia Hamilton: “Lavorare con lui è sempre un piacere”

L'ex uomo della Ferrari, ora direttore tecnico della Mercedes, elogia la professionalità di Lewis Hamilton. Allison non si è sbilanciato su chi sia più forte tra Hamilton, Vettel e Alonso.

da , il

    F1 news, James Allison elogia Hamilton: “Lavorare con lui è sempre un piacere”

    Il mondiale di F1 2017 è entrato nella sua fase conclusiva. La Mercedes, dopo gli ottimi risultati ottenuti nel “trittico asiatico” e uniti alla debaclè della Ferrari, è ora ad un passo dalla conquista del titolo costruttori. Anche nel campionato piloti c’è stato un allungo importante di Lewis Hamilton su Sebastian Vettel e questo fa presumere ad un doppio successo finale per gli uomini della casa tedesca.

    Nel muretto Mercedes, da quest’anno, c’è anche James Allison. L’ingegnere britannico, dopo il periodo di “gardening” post-Ferrari, è stato ingaggiato dalla casa di Stoccarda come Direttore Tecnico. Allison, vista la situazione delle classifiche iridate di F1, è molto vicino all’ennesimo trionfo della sua straordinaria carriera. Ricordiamo infatti che il DT della Mercedes ha già “vinto” ben 16 titoli mondiali in F1 (8 piloti e 8 costuttori ndr).

    Intervistato dopo il Gran Premio di Suzuka, Allison ha parlato del suo passaggio in Mercedes: “Sono contento di essere approdato in questa squadra all’inizio del 2017 – ha spiegato l’ex Ferrarista – una delle ragioni più grandi è stata quella di poter lavorare con Lewis Hamilton. Non lo conoscevo e ora posso affermare che è un vero piacere confrontarsi con lui. Lewis è un pilota eccellente ed è un ragazzo che si comporta come un vero uomo. Devo ammettere che è molto bello lavorare insieme a Hamilton“.

    James Allison, nella sua lunga carriera, ha lavorato e vinto con campionissimi del calibro di Michael Schumacher, Fernando Alonso, Sebastian Vettel ed infine Lewis Hamilton. “Chi è il migliore? spesso mi fanno questa domanda, ma non so rispondere e penso sia impossibile farlo. Bisognerebbe metterli sulla stessa macchina e nello stesso team, solo cosi si potrebbe capire chi è il più forte. Hanno caratteristiche differenti, ma hanno tutti una guida brillante. Tutti questi piloti sono pluri-campioni del mondo e posso affermare con certezza che non hanno mai vinto per fortuna“.