F1 News, anniversario morte di Jules Bianchi: l’ultimo saluto al pilota [FOTO]

Il 17 Luglio 2015 perse la vita Jules Bianchi. Il pilota francese della Marussia era molto amato e durante i suoi funerali in tanti accorsero per l'ultimo saluto.

da , il

    Sono già passati due anni da quel tragico 17 Luglio 2015, giorno della morte di Jules Bianchi. Il pilota francese, scomparso dopo 9 mesi di coma, è stato ricordato e salutato un’ultima volta dai parenti, amici e colleghi durante i funerali che si sono svolti presso la Cathédrale Sainte Réparate di Nizza. Successivamente il pilota è stato sepolto sempre a Nizza, sua città natale, città nella quale fu trasferito il 19 novembre 2014, dopo sette settimane dal primo ricovero al General Medical Center di Yokkaichi in Giappone. Il 25enne francese, dal momento del tremendo impatto contro una ruspa, durante il 43° giro del Gran Premio di Giappone 2014, non si è più risvegliato e ha vissuto in uno stato di incoscienza per nove mesi. La FIA per ricordare negli anni il pilota ha deciso di ritirare il numero #17, il numero personale scelto da Bianchi per la sua avventura in Marussia.

    I funerali di Nizza di Jules Bianchi

    Esce il feretro dalla Cattedrale seguito dai familiari, amici e colleghi del pilota. Applausi e lacrime per Jules Bianchi.

    La cerimonia si sta per concludere e nella piazza della Cattedrale è partito un lungo e sentito applauso.

    Nella Cattedrale, al momento dell’entrata di Jules, sono state suonate le note di ‘Hotel California’ degli Eagles.

    Tanta commozione e applausi all’entrata del feretro.

    Presenti anche diverse autorità e ministri francesi come Thierry Braillard, per l’ultimo saluto al pilota.

    Intanto anche Jean Todt col figlio Nicolas sono entrati nella Cattedrale.

    L’ultimo saluto a Jules Bianchi

    Sono arrivati in Chiesa anche Nico Rosberg e gli ex piloti francesi Alain Prost e Olivier Panis.

    Amici e parenti del povero Jules stanno entrando nella Cattedrale per l’inizio del funerale.

    Grosjean, Massa, Button, Vettel e Hamilton sono arrivati per l’ultimo saluto al pilota francese.

    Una folla di giornalisti e fotografi si è assemblata fuori dalla cattedrale di Nizza.

    Oggi Nizza piange il suo campione prematuramente scomparso. Il mondo del motorsport si è unito in cordoglio nei giorni scorsi nei confronti della famiglia del pilota francese mentre questa mattina molti colleghi e addetti ai lavori della Formula 1 si riuniranno Cathédrale Sainte Réparate per l’ultimo saluto a Jules.

    La FIA ritira il numero #17

    La Federazione Internazionale dell’Automobile ha deciso di ritirare il numero #17 in onore di Jules Bianchi. Il venticinquenne francese aveva infatti deciso di correre nella passata stagione, a bordo della Marussia, con questo numero e avrebbe avuto l’esclusiva per tale numerazione fino al 2017. La FIA ha deciso di compiere questo gesto per ricordare il talentuoso pilota scomparso prematuramente dopo 9 mesi di coma al seguito dell’incidente di Suzuka del 2014. Sul sito della FIA si legge un comunicato redatto da Jean Todt nel qualche viene ufficialmente confermato l’eliminazione del #17 dai numeri disponibili per i piloti di Formula 1 e che verrà tenuto in memoria di Jules Bianchi. Un gesto bello e significativo per ricordare per sempre un giovane pilota che avrebbe meritato altre fortune nella sua giovane vita.